Sei qui: Home » Infiammazioni della Testa » Infiammazione Bocca » INFIAMMAZIONE DELLA BOCCA: Ci sono varie forme di infiammazione della bocca, generalmente causate dall’ ingresso di germi, fattore associato a indigestione o debolezza a cui segue febbre bassa o altri disturbi

INFIAMMAZIONE DELLA BOCCA: Ci sono varie forme di infiammazione della bocca, generalmente causate dall’ ingresso di germi, fattore associato a indigestione o debolezza a cui segue febbre bassa o altri disturbi

Ci sono varie forme di infiammazione della bocca, generalmente causate dall’ ingresso di germi, fattore associato a indigestione o debolezza a cui segue febbre bassa o altri disturbi. Tappi sporchi di bottiglie o capezzoli poco igienizzati della madre possono causare l’ingresso dei germi via orale. Possono dar inizio a un’infiammazione anche l’irritazione procurata da un dente affilato, dallo sfregamento della gengiva o da una pulizia troppo energica della bocca. Inoltre alcune sostanze, in particolare il mercurio prescritto in modo inappropriato, possono procurare la patologia. I germi possono annidarsi anche nel latte impuro. L’infiammazione della bocca è tipica soprattutto nei bambini, solo la forma ulcerata è comune negli adulti.


SINTOMI


Generalmente la bocca risulta calda, molto rossa e asciutta; il bambino piange ed è difficile allattarlo perché spesso lascia il capezzolo per piangere. La lingua risulta patinata e può avere sintomi di febbre e indigestione come il vomito. A volte l’infiammazione si verifica nelle fasi febbrili e può presentare come sintomo la fuoriuscita della saliva dalla bocca.

FORMA SEMPLICE

I sintomi sono arrossamento, gonfiore e indolenzimento dell’interno della bocca. La lingua si presenta inizialmente secca e bianca, ma il rivestimento di color bianco poi si stacca lasciando la lingua arrossata e a chiazze. Dopo un po’ la saliva diventa abbondante ed è necessario lavare la bocca con ghiaccio e acqua mettendo in soluzione meno di mezzo grammo di acido borico per circa dieci centilitri di acqua. Utilizzare pezzi di cotone e tenere cubetti di ghiaccio avvolti in un fazzoletto nella bocca. Potrebbe essere anche utile, dare al bambino un cucchiaino di olio di ricino.

FORMA AFTOSA

Questa forma è caratterizzata da macchie giallo-biancastre, conseguenze di piccole depressioni o ulcere, sulla parte interna delle guance e delle labbra, oltre che sulla lingua e sul palato. Si manifestano in gruppo e scompaiono dopo 10-14 giorni. L’infiammazione è spesso preceduta da vomito, costipazione e febbre con dolore alla bocca e alla gola, sintomi a cui si accompagnano anche noduli e rigonfiamenti delle ghiandole sotto la mandibola e nel collo. Un trattamento potrebbe essere l’uso di olio di ricino oppure il tamponamento, come descritto sopra per la forma semplice di infiammazione.

MUGHETTO

La causa di questa malattia è la crescita di un particolare fungo nella bocca, che causa la comparsa di macchie bianche sulla parte interna delle guance, delle labbra, della lingua e della volta palatina, di forma simile a fiocchi di latte cagliato, ma non facilmente rimovibili. Altri sintomi possono essere indigestione, vomito, diarrea e coliche.

La patologia è contagiosa ed è spesso causata dal poco igiene delle bottiglie e dei capezzoli o dalla impurezza del latte. Talvolta restano nella bocca ulcere o depressioni dolorose e nei bambini deboli, in cui la malattia è più probabile che si verifichi, possono causare danni gravi in cui è richiesto il trattamento e l’attenzione di un medico. Un trattamento potrebbe essere l’applicazione di bicarbonato di sodio e acqua, un cucchiaino da tè in una tazza di acqua, in tutto l’interno della bocca con un pennello o un panno morbido tra una poppata e l’altra. È anche utile una dose di olio ricino, ma il miglior trattamento è la prevenzione, avendo cura di igienizzare bottiglie e capezzoli.

FORMA ULCEROSA

L’infiammazione ulcerosa della bocca si verifica dai cinque anni in su. È spesso una conseguenza della scarlattina o del morbillo ed è frequente conseguenza di una cattiva nutrizione o di abuso di calomelano. I sintomi sono arrossamento, gonfiore delle gengive inferiori e sanguinamento delle gengive stesse. Accumuli di pus possono formarsi tra i denti e la gengiva e la bocca emana un cattivo odore. Le gengive possono infiammarsi e presentare delle piaghe giallognole. Le ghiandole sotto la mandibola e nel collo risultano gonfie e la saliva fluisce liberamente. In condizioni gravi, le gengive possono corrodersi a causa di ulcere e l’osso della mandibola può ammalarsi e scoprirsi. Poiché può essere necessario, in gravi casi, rimuovere l’osso corroso e i denti, è necessario rivolgersi a un medico qualificato.

Trattamenti iniziali possono includere il lavaggio della bocca con gargarismi ogni due ore circa.

FORMA CANCRENOSA

È una forma rara di infiammazione contagiosa alla bocca e si verifica in bambini deboli e debilitati da malattie, come febbre contagiosa eruttiva, diarrea cronica e scorbuto. Un cattivo odore emana dalla bocca e si può notare la presenza dell’ulcera sulla gengiva o all’interno della guancia. La guancia si gonfia enormemente, con o senza dolore, e diventa di colori differenti, dal rosso, al viola, al nero. Può essere causa di morte per avvelenamento del sangue e l’unica soluzione è un’operazione chirurgica efficace e rapida.

© 2013 Infiammazione.com è un sito del Network ATS. All right reserved.

Powered By Neuropeople

Scroll to top