Astrocitoma: tumore cerebrale

By  |  0 Comments

Definizione di Astrocitoma

AstrocitomaCon il termine astrocitoma si intende un tumore che tende a manifestarsi a carico del cervello in particolare dalle cellule della glia dette astrociti. Questo tipo di tumore può essere sia di tipo benigno che maligno e può aumentare di volume a causa di fattori differenti. In generale le masse tumorali a carico del cervello tendono a svilupparsi nell’encefalo, diencefalo, cervelletto o tronco encefalico, ma anche più raramente nella sede del midollo spinale. Questi tumori possono svilupparsi in maniera differente da una cellula del sistema nervoso centrale ad esempio, o da un tumore maligno già presente in altre parti del corpo, essi si distinguono in primari e secondari. Vista l’anatomia articolata e complessa del cervello, esistono oltre un centinaio di tumori differenti. L’astrocitoma è un tumore che viene chiamato anche glioma poiché come già spiegato deriva dalle cellule della glia e può essere o ben distinto, quindi distaccato dalle zone del cervello sano, o diffuso, il che indica una dispersione casuale nella zona cerebrale. L’astrocitoma viene inoltre categorizzato in 4 differenti gradi a seconda di quanto possa essere dannoso per la salute e a seconda della sua capacità di aumento di volume:

  1. astrocitoma pilicitico: rientra nel I grado ed è generalmente di tipo benigno
  2. astrocitoma diffuso di basso grado: rientra nel II grado e anche in questo caso risulta benigno ma diffuso
  3. astrocitoma anaplastico: rientra nel III grado e al contrario dei precedenti è maligno, assume inoltre un aspetto differente, ovvero quello di cellula indifferenziata, per questo viene anche definito con il termine di anaplasia
  4. glioblastoma multiforme: rintra nel IV grado, è di tipo maligno e spesso causa di decesso. Può anche essere costituito internamente da vasi sanguigni, cisti e depositi di calcio

Incidenza: Gli astrocitomi possono colpire persone di qualsiasi età e sesso, negli adulti sono maggiormente diffusi quelli di II,III e IV grado, mentre nei bambini quelli di I grado. Ad oggi purtroppo non è ancora possibile identificare la causa che scatena questi tumori.

Sintomi: L’astrocitoma comporta sintomi quali emicrania, nausea e vomito, disturbi alla vista, epilessia, e disturbi particolari che hanno a che vedere con la sede di origine del tumore, in generale comunque i sintomi possono apparire o in maniera del tutto improvvisa  o graduale a seconda sempre del grado del tumore. I sintomi possono insorgere anche a causa dell’accrescimento della massa tumorale che limita il normale flusso del liquido cefalorachidiano oppure perché in prossimità del tumore viene a formarsi un edema. Fra gli altri disturbi possono manifestarsi anche:

  • debolezza o intorpidimento di uno dei due lati del corpo
  • sbalzi d’umore improvvisi
  • cambio di personalità improvviso
  • difficoltà di linguaggio e scrittura
  • problemi legati alla memoria
  • difficoltà di coordinazione motoria
Trattamento e consigli utili: Se si sospetta la comparsa di tumore astrocitoma o se si verificano i sintomi precedentemente descritti occorre recarsi immediatamente dal proprio medico il quale potrà provvedere ad una diagnosi attraverso le analisi sulla qualità dei riflessi dei tendini, esami oculari, valutazione dello stato mentale e delle capacità cognitive del paziente, inoltre per poter indagare con correttezza la presenza o meno del tumore il dottore potrà ricorrere all’utilizzo di risonanza magnetica, TAC e biopsia. Il trattamento per la guarigione dall’astrocitoma di tipo maligno consiste nella maggior parte dei casi nell’asportazione della massa tumorale attraverso un intervento di chirurgia, al quale deve susseguirsi la radioterapia o la chemioterapia. L’asportazione chirurgica talvolta ha delle complicanze poiché non sempre il tumore è facilmente accessibile e di conseguenza impossibile da rimuovere, per tanto è necessario intervenire con radioterapia o chemioterapia.
Consulta anche: Astrocitoma – Wikipedia
Photo credits: topyaps.com - baptisthealth.net