Mal di stomaco: Definizione e trattamento

By  |  0 Comments

Definizione e cure per il Mal di stomaco

Mal di stomacoIl Mal di stomaco è una condizione molto diffusa e si manifesta a seconda di fattori differenti, primo fra i più comuni è quello dell’indigestione detta anche dispepsia. I sintomi si avvertono all’altezza della parte superiore dello stomaco come sensazioni dolorose e di pressione. Il mal di stomaco da solo non è una condizione patologica, è infatti un insieme di più sintomi che generano disturbi vari tra cui anche la sensazione di gonfiore, vomito e nausea. Tali sintomi possono presentarsi nei pazienti raramente ed è un disturbo di solito passeggero, ma può anche essere una condizione più frequente che comporta disturbi durante l’arco della giornata, in tal caso è bene sottoporsi a visita medica per approfondire le condizioni di salute ed escludere eventuali problematiche più importanti, la diagnosi prevede dunque gastroscopia e/o analisi del sangue. Quando questo disturbo è una condizione sporadica, tende a risolversi spontaneamente. Il disturbo del mal di stomaco si presenta a seconda di differenti cause, per esempio può essere dovuto ad uno stile di vita con una dieta poco equilibrata, povera di frutta e verdura e dove si consumano pochi liquidi, tuttavia esso può essere dovuto anche da alcune patologie. Altre cause che scatenano questa problematica sono:

Patologie allo stomaco: Quando il mal di stomaco è dovuto ad un’ulcera gastrica generalmente si avverte un dolore intenso all’addome e una sensazione di forte bruciore localizzato, tali sintomi si presentano a distanza di circa mezz’ora dopo i pasti. Se l’ulcera è di tipi peptico il dolore subentra in modo improvviso e molto forte tanto che si estende fino agli arti e alle spalle provocando nausea e vomito, tachicardia, e costringendo il paziente a piegarsi su se stesso per alleviare il dolore. L’addome appare rigido. L’ulcera di tipo duodenale invece tende a presentarsi con sintomi di dolore a distanza di circa 1 ora e mezza fino a 3 ore dopo i pasti. In presenza di gastrite acuta il dolore a carico dell’addome è generalmente esteso e comporta spesso vomito, in alcuni casi con presenza di sangue. La gastrite cronica comporta invece un dolore molto più lieve e talvolta del tutto assente ma può essere causata da un’infezione di tipo batterico ed è importante tenerla sotto controllo. Se nel paziente si manifesta un tumore allo stomaco egli avrà molte difficoltà nel consumare porzioni di cibo più abbondanti del solito, sarà colto spesso da febbre, ed è possibile la presenza di sangue nel vomito e nelle feci. A parte questi sintomi il tumore allo stomaco non comporta particolari dolori o sensazioni di fastidio.

Rimedi e consigli utili: Il mal di stomaco si può prevenire correggendo il proprio stile di vita, integrando una buona dieta alimentare ed evitando di consumare pasti abbondanti ogni giorno. Dal momento che questo disturbo può essere dovuto anche da altri fattori come lo stress o l’ansia o il fumo di sigaretta, si consiglia di ricavarsi degli spazi per potersi rilassare almeno 1 volta ogni giorno e smettere di fumare. Anche l’abuso di farmaci come i FANS e l’aspirina possono comportare il bruciore di stomaco quindi se ne consiglia un uso moderato. Se il mal di stomaco persiste e non si risolve spontaneamente è indispensabile contattare il proprio medico curante e decidere con lui la cura più adatta a seconda delle proprie condizioni.

Consulta anche:  Dispepsia – Wikipedia