Aneurisma Cerebrale: Definizione e trattamento

By  |  0 Comments

Definizione e trattamento per l’Aneurisma Cerebrale

Aneurisma CerebralePer aneurisma cerebrale si intende una dilatazione a carico di un vaso arterioso del cervello a carattere patologico. La dilazione comporta il rigonfiamento del vaso sanguigno fino alla formazione di una sacca. L’aneurisma risulta molto pericoloso perché tende a rompersi a causa della sua natura fragile, provocando un’emorragia all’interno del cervello con cause che compromettono la salute del paziente. Se l’aneurisma si rompe i sintomi compaiono immediatamente, e il primo a presentarsi è l’emicrania. Ad ogni modo la maggior parte degli aneurismi che si formano non corrono il rischio di rompersi e in tal caso non comportano problematiche ma vengono comunque trattare per prevenzione. L’aneurisma cerebrale può manifestarsi per varie cause come ad esempio uno stile di vita poco equilibrato o una predisposizione ereditaria. Quando l’aneurisma viene diagnosticato comunque è importante intervenire al fine di evitare rischi e complicazioni, in alcuni casi può essere così pericoloso da comportare il decesso nel paziente o in altri casi ictus. In Italia la casistica di aneurisma cerebrale ricopre l’1% della popolazione, ed ogni 100.000 individui soltanto 10-15 possono andare incontro all’emorragia, e purtroppo il 20-30% dei paziente nei quali si è verificata la rottura del vaso sanguigno perde la vita prima di raggiungere l’ospedale. Generalmente i soggetti maggiormente colpiti da questo disturbo sono le persone tra i 40 e i 60 anni di età, di sesso femminile,  anche se può colpire chiunque. L’aneurisma inoltre si forma più facilmente là dove le pareti dei vasi sanguigni risultano più sottili e fragili, può essere causato anche da un’ipertensione cronica, dall’abitudine al fumo, da lesioni a carico del cranio, dalla pressione alta, infezioni al sangue e dall’abuso di bevande alcoliche. Vediamo nello specifico i sintomi che comporta l’aneurisma cerebrale in presenza di emorragia:

In caso di assenza di emorragia i sintomi che compaiono nel paziente sono leggermente differenti e alcune volte del tutto assenti, ad ogni modo si presentano come dolore a carico degli occhi,  disturbi alla vista che risulta sfuocata o doppia, pupille dilatate, sonnolenza, debolezza a carico dei muscoli del viso. In presenza di emorragia l’emicrania si manifesta in modo improvviso con molta intensità, in tal caso si consiglia di contattare immediatamente i soccorsi sanitari e non ignorare il mal di testa. Le complicazioni dovute all’aneurisma non devono infatti essere sottovalutate poiché comportano dei danni irreparabili al tessuto cerebrale, si può andare incontro a perdita di coscienza e a idrocefalo, ictus e difficoltà di linguaggio.

Trattamento e consigli utili: In caso di aneurisma spesso è necessario intervenire chirurgicamente, il medico si occuperà dunque di intervenire direttamente nella zona colpita con un piccolo punto di sutura per limitare la fuoriuscita di sangue dal vaso. In altri casi si interviene con farmaci che mirano ad alleviare i sintomi e ridurre la gravità dell’aneurisma, in caso di emicrania infatti vengono prescritti farmaci come i FANS o Tachipirina, o per diminuire il vasospasmo si interviene con i calcioantagonisti che riducono l’intromissione di calcio in eccesso nei vasi sanguigni.