Prurito senile: definizione e cura

By  |  0 Comments

Il prurito senile consiste in un prurito fastidioso persistente che costringe il soggetto a grattarsi con forza, tanto da causarsi lesioni cutanee superficiali o addirittura ulcere.

prurito-senile_4Si manifesta su persone anziane, solitamente che hanno superato i 70 anni di età. Colpisce principalmente soggetti che presentano patologie neurologiche, renali-epatiche, metaboliche, endocrinologiche e immunitarie o neoplastiche.

Definizione:

Il prurito senile si manifesta, come suggerisce il nome stesso, in età avanzata, solitamente sopra i 65-70 anni. Colpisce sia coloro che presentano patologie specifiche, sia soggetti sani autosufficienti. I malati affetti da prurito senile riscontrano oltre ad un’intensa sensazione pruriginosa, dolore identificato come punture di spilli sulla pelle, bruciore e altre percezioni anomale a livello cutaneo.

In qualsiasi modo si manifesti il prurito senile, la particolarità di questa patologia è che il soggetto non presenta evidenti manifestazioni cliniche sulla cute, a differenza di altre malattie della pelle in cui il prurito è portato da stati infiammatori diversi (vedi orticaria).

Per cercare di apportare sollievo durante la crisi di prurito, il malato tende a grattarsi in maniera intensa, questo porta spesso l’anziano ad accanirsi in maniera violenta sulla pelle sana, apportando lesioni di vario livello. La cute sana così si riempie gradualmente di graffi e croste che tendono ad infiammarsi evolvendo spesso in infezioni importanti.

In alcuni casi il grattarsi nell’anziano diviene come un “tic” nervoso che tende ad emergere in situazioni emotive impegnative e cariche di stress o in condizioni in cui i livelli di ansia sono elevati.

Cura:

prurito-senile_3Curare il prurito senile non è sempre semplice. Il primo trattamento a cui viene sottoposto l’anziano è di solito con farmaci antistaminici, ma questi non portano spesso risultati insoddisfacenti. Nel caso in cui siano richiesti alti dosaggi, il farmaco antistaminico nell’anziano può avere effetti collaterali gravi come: stati confusionali, disturbi urinari e intestinali, interazioni con altri farmaci, rischio di cadute. Le cure più efficaci per il prurito senile sono i trattamenti locali tramite l’applicazione di prodotti idratanti, nutrienti ed elasticizzanti per combattere la disidratazione cutanea. Questo trattamento ha effetto anche a livello psicologico sull’anziano, il quale tramite il contatto fisico con una persona amica si sente fortemente “accudito”.

Per la detersione della pelle sono preferibili prodotti non aggressivi a base oleosa o creme detergenti. Per ridurre il senso di secchezza e di stiramento cutaneo conseguente alla detersione è opportuno applicare creme idratanti e umettanti. Sono da evitare prodotti a base alcolica quali profumi e dopobarba che aumenterebbero la disidratazione della pelle e di conseguenza il senso di prurito.

Conclusioni:

Quando l’anziano manifesta i primi sintomi di prurito, è bene rivolgersi al proprio medico per accertare le possibili cause che lo scaturiscono. Un aspetto da non sottovalutare è la possibile origine psicosomatica del prurito senile, sintomo di malessere interiore nel malato. In questo caso la famiglia con il supporto dello psicologo ha un ruolo fondamentale nel processo di guarigione dell’anziano.

Consulta anche: Prurito – Wikipedia