Bronchiolite: definizione e rimedi

By  |  0 Comments

BronchioliteDefinizione e rimedi per la Bronchiolite.

La Bronchiolite è un’ infezione di tipo virale che coinvolge il sistema respiratorio in particolare nei bambini, specialmente nella stagione invernale.

La bronchiolite è quindi maggiormente diffusa nell’infanzia, e colpisce i bambini sotto i 2 anni di età, in particolare nei primi 6 mesi di vita. Tuttavia la bronchiolite può essere trasmessa anche agli adulti. Questo disturbo comporta un’ostruzione dei bronchioli, ovvero le ultime diramazioni dei polmoni ed è causa di raffreddore, starnuti e difficoltà respiratoria. La bronchiolite, anche se abbastanza frequente e diffusa, non è un fenomeno da sottovalutare poiché può richiedere il ricovero ospedaliero. La causa di questa malattia sembrerebbe dovuta ad un virus, detto VRS, che attacca il sistema respiratorio, il contagio avviene solitamente tramite contatto diretto con le secrezioni infette, per via aerea o attraverso le goccioline di saliva che si diffondono con colpi di tosse o starnuti, e dura dai 6 ai 10 giorni prima che la malattia si manifesti completamente. La gravità della bronchiolite dipende dall’età del bambino; un bambino di pochi mesi infatti può accusare sintomi in maniera più grave rispetto ad un bambino di età superiore. Secondo le statistiche si presentano circa 150 casi nuovi di bronchiolite ogni anno, dei quali il 95% avviene nei paesi in via di sviluppo, con maggiore frequenza nei bambini di sesso maschile. E’ importante sapere che, anche se la causa principale di questa malattia sia dovuta al Virus Respiratorio Sinciziale, vi sono altri fattori che contribuiscono alla comparsa della bronchiolite:

  • fumo di sigaretta: fumare in gravidanza comporta gravi rischi per il bambino, tra i quali anche la probabilità di rendere il suo sistema respiratorio più fragile e di conseguenza più esposto a malattie come la bronchiolite.
  • ambienti affollati: frequentare spesso, ed esporre il bambino ad ambienti affollati può provocare il contagio del virus VRS, anche durante gravidanza.
  • altri fattori: allattamento artificiale, malattie cardiache e polmonari, sono altri fattori che favoriscono il contagio della bronchiolite.

Come abbiamo visto fino ad ora, la bronchiolite è una malattia che non deve assolutamente essere sottovalutata. Vediamo adesso che tipo di sintomi comporta nello specifico:

La gravità dei sintomi come già accennato varia a seconda dell’età del soggetto affetto da bronchiolite e dal suo stato di salute. In alcuni pazienti può presentarsi anche la cianosi, ovvero un colorito bluastro al volto dovuto alla mancanza di ossigeno a causa della respirazione ridotta, si possono presentare inoltre le retrazioni intercostali, le costole si sollevano a causa del respirazione mal effettuata. Nonostante la vasta sintomatologia, solitamente la bronchiolite, se non dovuta a particolari condizioni, tende a risolversi spontaneamente e in breve tempo, infatti la fase acuta dura all’incirca due giorni, e anche se le difficoltà respiratorie tendono a protrarsi più a lungo, una volta guarito, il soggetto torna in salute. Tuttavia i pazienti di età avanzata o che soffrono di cardiopatie e bronchite cronica devono fare molta attenzione poiché la malattia potrebbe evolversi in una polmonite.

Rimedi e consigli utili: Il trattamento per la bronchilite dipende dalla gravità della malattia e non sempre risulta necessario, è importante comunque che il paziente non rimanga disidratato, deve bere molta acqua e liquidi, e in alcuni casi deve essere sottoposto ad un’ossigenazione. Solitamente i trattamenti si basano su broncodilatatori, ribavirina con aerosol, in caso di associazione con altre patologie come l’ipertensione o malattie polmonari in generale, ventilazione assistita e immediata in casi gravi dove la respirazione è fortemente compromessa e sono presenti episodi di convulsioni. Si consiglia di rimanere a riposo ed evitare l’utilizzo di sedativi, farmaci cortisonici e antibiotici, questi ultimi possono essere assunti soltanto in caso di infezione batterica. Tutti i trattamenti terapeutici devono essere prescritti dal proprio medico curante.

Consulta anche: Bronchiolite – Wikipedia