Talassemia: definizione e consigli utili

By  |  0 Comments

TalassemiaDefinizione e rimedi per la malattia della Talassemia

Con il termine Talassemia ci si riferisce ad una problematica legata al sangue.

La talassemia comporta infatti un’anomalia da parte dell’organismo nel riuscire a sintetizzare l’emoglobina, la quale si presenta alterata. Questa alterazione dell’emoglobina comporta delle cause per chi è affetto da talassemia abbastanza gravi che consistono nella distruzione dei globuli rossi, tale circostanza a sua volta favorisce la comparsa di un’altra problematica, ovvero l’anemia. La talassemia si distingue poi in due differenti forme:

  •  Alfa Talassemia: La talassemia può essere trasmessa geneticamente ai figli dai genitori. La talassemia alfa è presente in un soggetto nella sua forma meno grave quando colpisce soltanto due geni su quattro. Se invece i geni coinvolti sono tutti e quattro allora può addirittura causare il decesso in chi ne è affetto già al momento della nascita o prima ancora che riesca a nascere.
  • Beta Talassemia: Si tratta di una forma di talassemia che attacca i geni delle catene beta, in sostanza colpendo due geni. Tuttavia vi è la possibilità che questo tipo di talassemia colpisca un gene soltanto, in tal caso i sintomi saranno molto meno importanti e facilmente tollerabili. Quando ad essere interessati sono entrambi i geni, la malattia comporta delle conseguenze gravi ed i sintomi tendono a presentarsi a distanza di due anni dalla nascita del soggetto che ne è affetto.

Nello specifico i sintomi che si manifestano a causa della talassemia consistono in anemia, come già accennato, che può essere più o meno grave, squilibri dell’umore, stanchezza cronica, ittero, urina di colore scuro, difficoltà respiratorie fino a deformazioni a carico dell’ossatura del volto, espansione del midollo osseo, fragilità delle ossa, e maggiore rischio di fratture. Oltre a questi sintomi, la malattia ne può provocare anche altri come ad esempio un aumento di volume a carico della milza. La malattia della talassemia inoltre è una condizione che favorisce l’indebolimento dell’organismo rendendolo più predisposto ad infezioni ed infiammazioni.

Consigli utili: La talassemia è una malattia a trasmissione genetica, per tanto ad oggi non esistono ancora delle vere e proprie terapie farmacologiche in grado di ostacolarla definitivamente. Ad ogni modo esistono alcuni rimedi terapeutici che permettono di controllare la sintomatologia, e naturalmente la terapia varia da paziente a paziente a seconda della gravità della malattia. Se la talassemia si presenta senza arrecare al soggetto conseguenze gravi difficilmente i sintomi saranno dannosi per la salute, per tanto non è necessaria alcuna cura. Tuttavia se la malattia è accertata è bene non sottovalutarla ed effettuare di tanto in tanto dei controlli medici. Un metodo per contrastare i sintomi consiste nella trasfusione di sangue, nella rimozione chirurgica della milza, che tuttavia comporta un ulteriore abbassamento delle difese dell’organismo, e in casi più gravi nel trapianto di cellule staminali. Anche se rischioso, la talassemia potrebbe comportare la necessità di trapianto del midollo osseo. Questo intervento deve essere valutato attentamente con il medico o lo specialista poiché comporta gravi condizioni di disfunzioni nell’organismo.

Consulta anche: Talassemia-Wikipedia