Disidratazione: cause e rimedi

By  |  0 Comments

Disidratazione: cause e rimediDefinizione di Disidratazione corporea, cause e rimedi.

La condizione di disidratazione è una riduzione dell’acqua che avviene nel nostro corpo, totale o parziale.

Quando si verifica la disidratazione significa che l’assenza di acqua corrisponde all’assenza di sodio nel nostro organismo. Può essere di tipo morboso quando l’assenza di liquidi arriva a superare il 6% del peso del corpo. Le cause che provocano questa condizione sono dovute o ad un insufficiente apporto di acqua all’organismo, o da un anomalo aumento delle perdite di liquidi attraverso i normali meccanismi di eliminazione. Negli ambienti con clima temperato, le abituali perdite di liquidi del nostro corpo tramite meccanismi di respirazione, sudore ed espulsione delle urine, vanno dai 1,5 a 2 litri al giorno, e solitamente con la perdita di liquidi vengono eliminati anche i sali minerali. Se la disidratazione è dovuta a fattori eccessivi può verificarsi sempre attraverso sudorazione eccessiva, in caso magari di febbre, oppure a causa di altri disturbi come vomito diarrea. Se la disidratazione si verifica per via urinaria, potrebbe essere dovuta all’uso eccessivo di farmaci diuretici, o da malattie renali, insufficienza surrenalica. Se invece fosse dovuta a meccanismi respiratori, può causare un aumento della frequenza di respirazione, causando anche insufficienza cardiaca. La disidratazione viene classificata come ipertonica, normotonica e ipotonica a seconda della gravità con la quale si manifesta. Questa condizione non deve assolutamente essere ignorata poiché può portare il paziente al decesso in condizioni gravi.

Sintomi:

  • Secchezza delle fausi
  • Secchezza della cute
  • Sete violenta
  • Cefalea
  • Volume urinario ridotto
  • Ipotensione alteriosa
  • Crampi
  • Stati confusionali
  • Stanchezza e spossatezza
  • Vertigini
  • Irritabilità
  • Emicrania
  • Convulsioni
  • Coma (in casi gravi)
  • Diminuzione del peso corporeo

Rimedi e consigli utili: Il nostro organismo sopporta difficilmente la carenza o assenza di acqua. Nei bambini e negli anziani è necessario ricorrere alla somministrazione di soluti per via endovenosa, che vengono stabiliti a seconda del tipo di perdita di liquidi, specialmente se le condizioni cliniche risultano gravi. In caso di febbrevomitodiarrea, è necessario bere liquidi in abbondanza. Per poter rimediare alla disidratazione dunque è necessario poter reintegrare i liquidi che sono venuti a mancare. Nei bambini il medico potrebbe indicare come soluzione reidratante Dicodral o Idravita, è bene evitare il consumo di latte, bevande gassate, caffeina, frullati, succhi di frutta, poiché porterebbero ad un peggioramento delle condizioni. Gli adulti con disidratazione lieve o comunque di natura non grave, possono reintegrare liquidi bevendo molta acqua. In caso di disidratazione grave,  contattare immediatamente il medioco, il quale provvederà ad alleviare i sintomi con specifiche flebo per via endovenosa.

Consulta anche: Disidratazione-Wikipedia