Strappo muscolare: definizione e rimedi

By  |  0 Comments

Strappo muscolare: definizione e rimediDefinizione e rimedi per lo Strappo muscolare

Per strappo muscolare si intende un tipo di lesione a carico del muscolo che lo traumatizza e ne provoca la rottura di alcune fibre.

Quando avviene, lo strappo muscolare è sempre una condizione grave, e solitamente si presenta a seguito di movimenti bruschi o improvvisi. I soggetti più a rischio sono gli sportivi, in particolare in sport come il baseball, salto, calcio, sollevamento pesi. Se si verifica questa condizione è probabilmente dovuto al fatto che è venuto a mancare un sufficiente allenamento o la muscolatura è soggetta a notevoli sforzi e stanchezza. Le parti del corpo che tendono ad essere maggiormente coinvolte solitamente sono gli arti, deltoide, tricipite, gambe e cosce in particolar modo. Lo strappo muscolare avviene anche a seguito di una tensione eccessiva a carico del muscolo interessato. Le lesioni che si manifestano a carico della muscolatura possono essere classificate in ordine di importanza nel modo che segue:

  • Lesione di primo grado:  Questo tipo di trauma è il meno grave poiché coinvolge soltanto una piccola quantità di fibre muscolari. Date le circostanze anche il dolore che comporta questo tipo di strappo muscolare è lieve e poco fastidioso, tuttavia può aumentare in caso di contrazione e distensione del muscolo. Anche il movimento non è eccessivamente limitato.
  • Lesione di secondo grado: Questo tipo di trauma invece è di maggiore importanza e determina un maggior numero di fibre muscolari coinvolte. In questo caso il dolore si presenta in maniera più intensa soprattutto durante la distensione del muscolo. Tuttavia è possibile proseguire con le attività fisiche di tipo leggero senza eccedere con gli sforzi muscolari.
  • Lesione di terzo grado:  Questo tipo di trauma è il più grave perché coinvolge un vasto numero di fibre muscolari o tutte quelle della zona del muscolo colpito. Questa condizione è perfino tangibile al tatto poiché si viene a formare una sorta di sporgenza dovuta alla natura dell’evento traumatico. Il dolore è fortissimo e impedisce totalmente il movimento.

Sintomi:

  • Rigidità muscolare
  • Contrazione muscolare
  • Tumefazione
  • Edema
  • Irritazione
  • Capillari lesionati
  • Ematoma

Rimedi e Consigli Utili: Anche in caso di strappo muscolare di primo grado, e comunque in tutti i casi si verifica questa condizione, è sconsigliato praticare attività fisica, si consiglia di immobilizzare il più possibile il muscolo colpito e di stare a riposo. Impacchi di ghiaccio o acqua fredda sono utili per lenire il dolore, è importante applicarli immediatamente qualora il trauma sia di grado importante (2° o 3°). Assolutamente sconsigliati i massaggi. I traumi di primo grado si risolvono solitamente in modo spontanei entro poche settimane (1-2 circa). Terapie a base di antifiammatori e miorilassanti risultano di particolare efficacia. Quando si inizia a notare un miglioramento è possibile effettuare dei lievi esercizi di stretching che comportano una miglioramento accelerato. Le lesioni di 2° e 3° grado generalmente prevedono tra i 15 e i 30 giorni di guarigione, e prima di poter tornare a svolgere le normali attività fisiche è necessario sottoporsi a fisioterapia. In alcuni casi, può rivelarsi necessario un intervento di chirurgia. In casi gravi si consiglia comunque di ricorrere al consulto medico, il medico infatti potrebbe prescrivere la tecarterapia che consente di diminuire i tempi di guarigione.

Consulta anche: Strappo muscolare-Wikipedia