Pemfigo: Trattamenti e Definizione.

By  |  0 Comments

PemfigoDefinizione e trattamenti per la cura del Pemfigo.

Con il termine Pemfigo ci si riferisce ad un tipo di malattia autoimmune molto rara, essa coinvolge generalmente le mucose e la cute.

Il Pemfigo è una malattia che produce autoanticorpi che tendono ad attaccare le molecole incaricate a tenere legate insieme le cellule epiteliali del’organismo. Questa condizione di auto-danneggiamento comporta uno scollamento delle cellule e colpendo la cute presenterà una formazione di bolle. Il Pemfigo può interessare qualsiasi zona del corpo, talvolta anche bocca, gola ed esofago. Le bolle o vescicole che si vengono a formare provocano delle lesioni a carico della zona colpita, e le bolle solitamente contengono liquido sieroso in quantità differenti, talvolta le bolle scoppiano lasciando spazio alla formazione di croste, in seguito le lesioni diventano croniche e si vengono a formare delle ulcere che si infettano.  Se le ulcere si presentano in prossimità dell’esofago possono comportare gravi problemi perché tendono ad impedire una corretta alimentazione fino a compromettere la salute del soggetto. I soggetti più a rischio per la comparsa del Pemfigo sono persone di mezza età o anziani, raramente nei bambini. Il Pemfigo non è una malattia contagiosa ma può essere molto pericolosa se non trattata o trascurata poiché in alcuni casi comporta altre infezioni. La diagnosi di questa malattia consiste nella biopsia, ricavando dunque un lembo di tessuto danneggiato recentemente dal Pemfigo di un paziente affetto ed analizzandolo in laboratorio. Come già accennato è utile evitare di trascurare la malattia del Pemfigo, questo perché senza le adeguate cure e trattamenti la malattia può condurre il paziente perfino al decesso, inoltre i danni che comporterebbe sono molto gravi, come la cronicizzazione della malattia, la comparsa di infezioni secondarie e disidratazione grave. Se il paziente nota la comparsa di lesioni, bolle e vescicole, senza una spiegazione logica, o difficili da ricondurre a cause evidenti, e che persistono oltre sette giorni,  è necessario sottoporsi a visita medica al fine di evitare complicanze. Nel caso in cui invece si stia effettuando il trattamento per la cura contro il Pemfigo e compaiono altri sintomi insoliti come febbre, brividi, comparsa di ulteriori ulcere, dolori muscolari ed articolari; anche in questo caso è necessario consultare il proprio medico per un eventuale controllo.

Rimedi e Consigli Utili: Nei casi di Pemfigo non grave il trattamento utile è quello a base di steroidi topici, in altri casi si procede al trattamento a base di steroidei e cortisone a dosaggi elevati. Altre cure possono essere effettuare con corticosteroidi associati a farmaci immunosoppressori come azatioprina o ciclofosfamide. Quando la comparsa dei sintomi del Pemfigo, dunque bolle e lesioni sono ormai controllati dai farmaci, il dosaggio di questi viene ridotto, se a distanza di un anno non si nota alcun peggioramento il medico potrebbe indicare la sospensione dei farmaci, il paziente tuttavia è tenuto a sottoporsi a controlli periodici. In caso di infezioni secondarie e per prevenirle, il medico potrebbe prescrivere terapie a base di antibiotici o antivirali. Esistono inoltre delle cure da applicare localmente come cortisone in creme o pomate capaci di lenire le ferite e di cicatrizzarle, senza poi tralasciare la dinfezione e la detersione delle zone colpite da Pemfigo con soluzioni antisettiche. Per la cura delle lesioni e delle vesciche risultano utili impacchi a base di soluzione salina e con ipoclorito di sodio,  in prossimità della cavo orale si possono utilizzare collutori. Bisogna poi evitare di apporre ulteriori traumi alle zone colpite, è possibile applicare del talco per evitare che vestiti e lenzuola aderiscano alla pelle in condizioni di Pemfigo. L’alimentazione è un altro fattore da tenere sotto controllo, evitare cibi piccanti o che possano danneggiare la mucosa orale. Se necessario si consiglia l’assunzione di vitamina D e calcio.

Consulta anche: Pemfigo-Wikipedia