Linfagite: Definizione e Rimedi.

By  |  0 Comments

LinfagiteDefinizione e rimedi per la Linfagite.

La Linfagite è un’infiammazione che coinvolge uno o più vasi linfatici ed è di origine principalmente batterica, si tratta di un’intossicazione del sangue.

La Linfagite può essere causata anche da streptococco e altri agenti patogeni.  Questo disturbo comporta svariati sintomi: quando si manifesta in prossimità della cute risulta evidente poiché presenta la comparsa di evidenti striature rosee o rosse sulla pelle, queste provocano dolore. Gli altri sintomi comprendono brividi, emicrania, cefalea, dolore acuto nella zona colpita, febbre, edema, tachicardia, linfonodi ingrossati, dolori muscolari, ascessi, appetito scarso o assente e malessere generale. Inoltre si presentano gonfiore e processi infettivi, ma può addirittura favorire la comparsa di tumori. Solitamente la Linfagite colpisce gli arti, tuttavia questa può diffondersi rapidamente attraverso i capillari linfatici. Questa malattia può essere diagnosticata attraverso prelievi di sangue che viene analizzato, se nel campione di sangue risultano presenti dei batteri, allora la malattia è verificata. La Linfagite viene diagnostica anche attraverso la biopsia, ovvero la rimozione di un piccolo strato di tessuto che risulta infetto, ed anche in questo caso sarà necessario verificare la presenza dell’infezione batterica. Ad ogni modo i sintomi sono molto evidenti perciò se si sospetta di aver contratto la Linfagite si consiglia il consulto medico immediato poiché se trascurata la malattia provoca danni irreparabili e perfino la morte. Tipi di Linfagite:

  • Linfagite Acuta: Questo tipo di Linfagite è composta da altre tre sottocategorie:
  1. Linfagite diffusa reticolare: E’ caratterizzata dalla presenza di edema reticolare ovvero composto da una moltitudine di leucociti (globuli bianchi)
  2. Linfagite diffusa erisipeloide: Si tratta di un’infezioneche coinvolge la cute, il derma, l’ipoderma e i vasi linfatici.
  3. Linfagite diffusa tronculare: In questo caso sono coinvolti un collettore linfatico superficiale e le articolazioni. E’ caratterizzata dalle tipiche striature rossastre che si presentano nella zona interna delle articolazioni.
  • Linfagite Cronica: E’ solitamente causata da alcuni tipi di parassiti, le pareti dei vasi linfatici tendono ad ingrossarsi in modo eccessivo fino ad otturare totalmente il lume. La forma cronica di Linfagite viene favorita da tubercolosi, sifilide, filiaria e infezioni micotiche.

Rimedi e Consigli Utili: Data la gravità della malattia, e la rapidità con la quale riesce a diffondersi nell’organismo (anche poche ore) il trattamento deve essere somministrato il prima possibile al fine di ottenere buoni risultati per la salute del paziente. Solitamente la terapia prevede antibiotici come la pennicillina per via endovenosa. Un altro trattamento possibile è dovuto all’antibiotico clindamicina capace di eliminare batteri e streptococchi attivi, o ancora antibiotici a largo spettro. Da associarsi alle terapie antibiotiche è possibile assumere farmaci antinfiammatori ed analgesici, questi risultano efficaci nella riduzione dell’infiammazione e diminuiscono l’intensità del dolore. Tra i rimedi naturali consigliamo impacchi di acqua calda con un panno da applicare nelle zone coinvolte, la chirurgia può invece risultare necessaria qualora la Linfagite abbia provocato degli ascessi in forma grave. Per la prevenzione dalla Linfagite è consigliato curare la propria igiene al fine di evitare la contaminazione da parte di batteri e altri agenti patogeni.

Consulta anche: Linfagite- Wikipedia