Albinismo: Definizione

By  |  0 Comments

AlbinismoDefinizione di Albinismo.

Albinismo deriva dal termine latino ”Albus” e significa ”bianco”. Si tratta di un’anomala condizione genetica piuttosto rara che consiste nella totale o parziale assenza di melanina a carico della cute, dell’iride, dei peli e dei capelli.

L’Albinismo è solitamente presente in quei soggetti che sono portatori di un gene detto allele sano e uno mutato, che può inoltre essere trasmesso ai figli. Purtroppo le persone albine sono predisposte maggiormente a tumori alla pelle e disturbi che coinvolgono la vista. In alcuni casi l’Albinismo colpisce soltanto alcune parti del corpo, in questo caso la melaninia non è del tutto assente. L’Albinismo è una mutazione di tipo genetico che viene dall’incrocio di due individui portatori di geni albini, a carattere recessivo, e si presenta in soggetti omozigoti per albinismo. Questa condizione può colpire sia soggetti maschili che femminili con la stessa cadenza. In media genitori che sono portatori sani hanno il 25% di probabilità di avere figli albini, in Italia l’Albinismo coinvolge circa 2.5000-5.000 persone. L’Albinismo può essere categorizzato in differenti modi:

  • Albinismo Totale: Questo tipo si manifesta raramente ed è caratterizzato da capelli bianchi o tendenzialmente sul colore giallo pallido, la pelle è molto bianca e gli occhi prendono tini sul blu o sul grigio.
  • Albinismo Parziale: Questo tipo è il più diffuso e coinvolge soltanto alcune parti del corpo un ciuffo unico di capelli, gli occhi o una parte precisa della pelle.
  • Albinismo Oculo Cutaneo: Questo tipo si diffonde nei capelli, negli occhi e nella pelle, e porta ad un’assenza di sintetizzazione della melanina.
  • Albinismo Oculare: Questo tipo coinvolge gli occhi dove il pigmento della melanina viene a mancare, e i soggetti in questo caso presentano un numero inferiore di diottrie e la vista può essere compromessa.

In generale i soggetti affetti da Albinismo oltre a presentare gli aspetti precedentemente descritti possono avere altri tipi di disturbi come ad esempio: epilessia, strabismo, nistagmo (oscillazione involontaria degli occhi), sordomutismo, nanismo, eccessiva sensibilità alla luce, alterazioni a carico della cute, invecchiamento precoce, ed in alcuni casi possono verificarsi disturbi all’udito e alla circolazione del sangue. Ovviamente non è possibile per queste persone l’esposizione al sole poiché provocherebbe ustionieritema solare, e favorirebbe la comparsa di tumori a carico della cute. questo avviene proprio a causa dell’assenza di melanina che protegge normalmente la pelle dai raggi del sole. Nei soggetti sani invece l’esposizione al sole aumenta la produzione di melanina che funziona come filtro protettivo e favorendo l’abbronzatura della pelle. L’Albinismo non colpisce solo gli esseri umani ma è presente anche negli animali.

Consigli Utili: Ad oggi purtroppo non esistono ancora cure che possano debellare la malattia dell’Albinismo. Ciò che è necessario non sottovalutare, soprattutto nei bambini, è lo stress emotivo e psicologico a cui sono sottoposti: specialmente a scuola possono tendere ad autoescludersi, a chiudersi in se stessi a causa delle svariate domande alle quali possono essere sottoposti a causa dell’evidenza della malattia. E’ dunque consigliato seguire i bambini  nel loro percorso di crescita ascoltandoli e incoraggiandoli ad affrontare nel migliore dei modi possibili la vita, e là dove risulta necessario aiutarli con l’aiuto di uno psicologo professionista.

Consulta anche: Albinismo-Wikipedia