Postura scorretta: Ecco come risolvere.

By  |  0 Comments

PosturaDefinizione di Postura scorretta: Ecco come risolvere.

Molti di noi spesso assumo una postura scorretta. Questo è un tipo di atteggiamento a cui a volte non siamo abituati a prestare attenzione, esistono ad ogni modo dei consigli e rimedi per poterla correggere.

E’ possibile controllare la propria postura eseguendo alcune analisi di osservazione in maniera autonoma: posizionatevi di fronte ad uno specchio svestiti, fate in modo che la testa sia bene centrata e dritta, e lo stesso fatelo per le spalle, la schiena ecc. A questo punto portate la schiena contro una parete, fate in modo tale che talloni e glutei siano aderenti alla parete e che la testa possa sfiorarla appena. Questa è la postura da mantenere, se di solito non siete abituati a questo tipo di atteggiamento corporale significa che dovete fare attenzione. Un altro metodo è quello di osservare la suola delle scarpe, se è consumata lateralmente, internamente o una più dell’altra è consigliabile consultare il proprio medico o uno specialista.

Rimedi utili: Esistono poi alcune attività che possono risolvere e correggere una postura scorretta. Molte palestre mettono a disposizione corsi utilissimi di ginnastica posturale o pilates. Alcune attività possono essere svolte in autonomia a casa propria, ad esempio è molto importante praticare esercizi di stretching:

  • Lombari: In posizione da seduti, portate il busto verso le cosce e le mani a toccare i piedi. Quando riscendete soffiate fuori l’aria, riposo per 15 secondi inspirando e ripetere l’esercizio per almeno quattro volte.
  • Collo: Con la schiena ben dritta e appoggiata ad una superficie, braccia rilassate, portate le mani alle ginocchia, conducete il mento fino al petto con movimenti lenti e morbidi, risalire lentamente e ripetere almeno dieci volte.
  • Dorsali: Seduti e busto dritto, incrociare le mani dietro alla testa, estendere i gomiti all’indietro il più che potete, ripetere almeno quattro volte e mantenendo la contrazione almeno per qualche secondo.
  • Addominali: Con la schiena ben dritta e appoggiata ad una superficie, portate le mani ai fianchi. Ruotare il busto per almeno dieci volte a destra e poi a sinistra, inspira ed espira profondamente.
  • Braccia: Sedersi su una di una sedia, staccate il busto dallo schienale e appoggiate i piedi per terra. Stringere i pugni ai bordi laterali della sedia, inspirare e sollevarsi facendo leva sulle braccia. Contrarre addominali, cosce e glutei. Ripetere per dieci volte.
  • Cosce: Seduti con la schiena ben dritta e appoggiata ad una superficie, inspirando alzare le gambe fino a stenderle in modo tale che siano perpendicolare al busto; mantenere la posizione per circa 15 secondi, espirare, riportare le gambe a terra e ripetere almeno cinque volte.

Altri consigli utili sono quelli di evitare di rimanere fermi a sedere per tempi troppo lunghi. Se si è costretti a farlo per lavoro, è necessario alzarsi in piedi almeno ogni ora e mezza cercando di estendere i muscoli. Al contrario se state in piedi per tutto il giorno, è consigliabile di tanto in tanto camminare sulle punte, questo aiuta a favorire la circolazione e a tollerare meglio la stanchezza muscolare. Attenzione anche al materasso su cui siete soliti dormire, infatti un materasso eccessivamente morbido non è salutare, prestate attenzione anche al cuscino che utilizzate; esso non deve essere troppo alto ne troppo mordibo. Quando dormite evitate di mettervi a pancia in giù, cercate piuttosto di dormire sul fianco. Prestate attenzione inoltre alle calzature: evitate di indossare calzature strette nella speranza che con il tempo cedano, ed evitate anche di comprare il numero più grande perché una calzatura superiore al vostro numero causa problemi. Quando acquisti le scarpe, ricorda di provarle entrambe, sia la destra che la sinistra, il dito più lungo del piede deve avere spazio sufficiente per evitare dolori e calli; una distanza di almeno un cm è fondamentale. In ogni caso se notate delle scorrettezze legate alla vostra posture rivolgetevi al vostro medico o ad uno specialista che possa esservi di aiuto.

Consulta anche: Postura-Wikipedia