Dimagrire: Come farlo in modo naturale ed salutare.

By  |  0 Comments
Dimagrire

Dimagrire: la giusta fisiologia

Dimagrire: Come farlo in modo naturale.

Nella società di oggi molte persone desiderano curare il proprio corpo ed eventualmente dimagrire.

Attenzione: Le indicazioni seguenti non sono valide per coloro che assumo steroidi e alcuni tipi di farmaci antidepressivi, e comunque se state seguendo una terapia prima di intraprendere i suggerimenti qui sotto è bene consultare il vostro medico.

Il web è pieno di diete fai da te o alla moda rivolte a persone che desiderano dimagrire. Ma questo tipo di diete benché siano solitamente innocue non sono indicate per tutti, per questo risultano spesso deludenti. In altri casi queste diete risultano addirittura dannose e portano perfino all’effetto opposto di quello desiderato portando la persona ad ingrassare ulteriormente. Il metodo migliore è quello di dimagrire in modo naturale. Al contrario di ciò che si pensa per dimagrire non è necessario (a meno che non si tratti di casi particolari) seguire un regime particolarmente rigido con schemi alimentari eccessivamente restrittivi. Solitamente è sufficiente seguire una dieta bilanciata a base di alimenti sani e naturali e povera di cibi grassi o pieni di zuccheri. Per alcune persone diete di questo tipo, comportano soltanto delle piccole modifiche alimentari, per altri invece significa fare cambianti radicali se intendono ottenere risultati. E’ necessario avere pazienza ed essere costanti prima di abituarsi a tali modifiche, tuttavia con un po’ di insistenza, quando noterete i primi risultati vi sentirete già da subito più in forma, più energici e vitali. In molte diete in cui si tende a dimagrire in maniera naturale si tiene di conto delle calorie. Solitamente è necessario consumare meno calorie di quante se ne consumano abitualmente nella quotidianità per la riparazione dei tessuti dell’organismo e per lo svolgimento dei processi fisiologici essenziali. L’energia viene assorbita dall’organismo sotto forma di grassi, ad esempio 450 grammi equivalgono a 3.000-3.500 calorie, e per perdere almeno 1,5 kg è necessario consumare 3.ooo calorie in meno rispetto al solito. Una donna di corporatura minuta che si sposta in autobus e passa gran parte della sua giornata lavorando ad una scrivania ha bisogno di circa 1.800 calorie al giorno, al contrario invece, un uomo robusto che svolge un lavoro manuale e che pesa introno ai 76 kg può bruciarne anche il doppio. Ovviamente questo dipende anche dal proprio metabolismo, un metabolismo lento brucia meno calorie di uno rapido. Per questo le diete fai dai te non sono indicate per tutti, ad esempio il lavoratore citato sopra può dimagrire assumendo 2.000 calorie al giorno, la donna invece ingrasserebbe. Generalmente diete con 1.000-2.000 calorie al giorno sono quelle più indicate per dimagrire. Si suppone che l’assunzione di 1.000 calorie al giorno costituisca la dieta minima indispensabile, in quanto una quantità inferiore non fornisce l’alimentazione adeguata. Le diete urto che consigliano di assumere non più di 600 calorie giornaliere oltre a compromettere la salute non bruciano i grassi e di conseguenza non fanno dimagrire, questo perché l’organismo tende a conservare l’energia. 1.000 calorie al giorno potrebbero sembrarvi poche, ma questo accade solo se vi nutrite in modo casuale o disordinato, con panini o alimenti simili. Una tavoletta di cioccolata contiene 300 calorie, mentre una mela 50 e una fetta di pane 70. Chi vuol dimagrire può nutrirsi con gli stessi alimenti del resto della sua famiglia ma in porzioni ridotte, in questo modo non sarà nemmeno necessario informare le persone che avete intorno che state seguendo una dieta.

Gli alimenti sani: Ovviamente è bene nutrirsi con frutta e verdura, cereali e legumi, porzioni ridotte di pesce, carne magra e latticini. Mangiate soprattutto alimenti che contengono fibre, pane integrale, cereali e patate, alimenti freschi e riducete il più possibile il consumo di alimenti grassi. L’alimentazione di una persona in sovrappeso contiene di solito 100 g di zucchero e 100 g di grassi, molti di più di quanti ne siano necessari per restare in forma. Se questi valori vengono ridotti per lo meno alle metà non si elimineranno le sostanze nutrizionali essenziali pur mantenendo il resto della dieta in modo bilanciato. E’ possibile eliminare completamente dalla nostra alimentazione lo zucchero, ma non i grassi poiché essi trasportano gli acidi grassi essenziali e le vitamine A,E, K e D. Pasta, pane , riso e patate contengono pochi grassi ma preferite quelli integrali che contengono maggior quantità di fibre, vitamine e minerali. Mangiate in abbondanza frutta e verdura, introducete l’assunzione di vitamine all’inizio della dieta perché prevengono il senso di debolezza che spinge molti ad abbandonarla. Condimenti eccessivi, sale e maionese sono trabocchetti per chi mangia insalate allo scopo di dimagrire. Sono sufficienti due cucchiai da tavola di questi alimenti per assumere subito 250 calorie, utilizzate invece yogurt naturale parzialmente scremato, ne esistono anche di aromatizzati alle erbe, usate pepe, senape, passato di pomodoro, succo di limone o di arancia, olio extravergine di oliva. L’olio è sufficiente in quantità da un cucchiaio da cucina a porzione. La carne deve essere mangiata con parsimonia e meglio evitare quella rossa, preferite piuttosto le carni bianche, pollo, tacchino, coniglio e pesce. Evitate le fritture e preferite alimenti cotti al forno, al vapore, alla griglia, arrosto, e conditeli con una quantità molto ridotta di olio, preferibilmente crudo. Evitate alimenti di pasticceria, anche quelli integrali poiché contengono fino ad un terzo di grassi. Attenzione alle bevande: spesso vengono sottovalutate, ma sia bevande alcoliche che bibite dolcificate sono fonte di calorie supplementari. Un lattina di birra contiene fino a 120 calorie, mentre una lattina di bibita gassata fino a 120 calorie. Evitate dunque di assumere queste bevande, tuttavia se di tanto in tanto volete bere qualcosa di alcolico, concedetevi un bicchiere di vino secco che contiene tra le 90 e le 100 calorie, in alternativa piccole quantità di liquore che contiene 55-75 calore.

L’inizio della dieta: Per seguire con attenzione una dieta è fondamentale un manuale che indichi il conteggio delle calorie ed elenchi il valore energetico dei vari alimenti in proporzione al peso; una bilancia da cucina e un quaderno per prendere nota di ciò che si mangia. Nei primi giorni utilizzate il quaderno soltanto per prendere appunti, mangiate normalmente ma scrivete tutto ciò che mettete in bocca, segnate anche l’ora e ciò che stavate facendo mentre mangiavate. Dopo circa 2-3 giorni ricontrollate gli appunti, ed evidenziate tutti gli alimenti che contengono grassi e zuccheri in eccesso e scrivendo a fianco alimenti alternativi più sani. Ad esempio la maggior parte delle persona consuma circa 1,75 litri di latte alla settimana liquido o in aggiunta come condimento per altri alimenti. Dando la preferenza al latte scremato si risparmiano 200 calorie ogni 600 ml, con latte parzialmente scremato ne risparmierete 100. Lo zucchero è presente in molti alimenti, anche in yogurt alla frutta, nei cereali da latte, nella frutta secca e nelle merendine. Glucosio, saccarosio, fruttosio, destrosio e qualsiasi tipo di sciroppo sono zuccheri. Il vostro diario alimentare vi aiuterà a mettere in evidenza anche in quali circostanza avete la tendenza a mangiare cibi ad alto contenuto calorico in quantità superiore rispetto al solito.  Spesso mangiare cioccolato, o sgranocchiare qualcosa durante la visione di un film o programma televisivo sono momenti che usiamo come ricompensa per una dura giornata di lavoro o per tirarsi su di morale. E’ possibile sostituire questi spuntini con cibi sani come ad esempio un frutto, o eventualmente dedicarsi ad altre attività come una passeggiata  o una chiacchierata con un amico invece di guardare la televisione. Una volta pronti per la dieta dovrete programmare i vostri pasti, pesate ogni porzione e prendetene accuratamente nota, segnate anche le calorie ed assicuratevi che l’assunzione di queste non sia inferiore alle 1.200. Dopo un po’ di tempo sarete capaci di valutare ad occhio il peso degli alimenti.

Tipi di alimenti:

Proteine-Si possono trovare all’interno di:

  • carne
  • pesce
  • uova
  • latte
  • formaggi
  • maionese e simili
  • yogurt

Carboidrati-Si possono trovare all’interno di:

  • alimenti integrali
  • cereali
  • pasta
  • pane
  • riso
  • orzo
  • mais
  • patate
  • dolci-biscotti e simili
  • gelato
  • banane

Anche la frutta è considerata parte dei carboidrati, ma solo la banana rientra in quelli pesanti. Olio cotto o fritto, burro, panna sono condimenti pesanti, quindi da evitare, anche i legumi sono considerati come alimenti pesanti è bene dunque non consumarli in quantità esagerate.

I vantaggi: Questa dieta  deve essere impostata da un medico nutrizionista, affinché possa esaudire le vostre esigenze e si adatti al vostro organismo. Solitamente è piuttosto gradita poiché non ha ristrettezze eccessive, il dimagrimento è efficace, progressivo e stabile e permette dunque di mantenere i risultati raggiunti.

Menù settimanale consigliato:

1° Giorno: Colazione  a scelta con pane, burro, biscotti e tè zuccherato. Pranzo con spinaci, insalata e zucchine. Cena con risotto al pomodoro o al burro, insalata, pane, whisky.

2° Giorno: Colazione con mele o ananas. Pranzo con minicarboidrati o proteine libere. Cena con prosciutto, carne ai ferri o uova.

3° Giorno: Colazione con formaggio magro, latte non zuccherato o prosciutto. Pranzo con mele e ananas e vino. Cena con spaghetti alle verdure, insalata, torta o pane.

4° Giorno: Colazione con Ananas. Pranzo con minicarboidrati con pane (80 g di pane max). Cena con mele.

5° Giorno: Colazione con pane, burro, miele, tè zuccherato. Pranzo con mele. Cena con prosicutto, carne, formaggio o pesce.

6° Giorno: Colazione con formaggio, latte non zuccherato. Pranzo con minicarboidrati. Cena con spaghetti alle verdure, insalata, torta, pane.

7° Giorno: Colazione con mele e ananas o banane. Pranzo con minicarboidrati. Cena con carne, formaggio, o pesce, gelato al latte.

ATTENZIONE: Consigliamo di consultare il proprio medico prima di intraprendere questa dieta al fine di evitare scompensi, e al fine di trovare l’alimentazione adeguata per ogni soggetto, poiché come già detto, ogni persona ha bisogno di seguire un proprio piano alimentare a seconda delle sue esigenze.

Consulta anche: Dieta-Wikipedia