Stanchezza Cronica: Definizione e Rimedi.

By  |  0 Comments

Stanchezza Cronica IIDefinizione di Stanchezza Cronica:

Tutte le persone affrontano dei periodi nei quali hanno la sensazione di sentirsi sempre stanchi: succede di perdere il gusto della vita, di sentirsi privi di energie ed immediatamente esausti.

Alla mattina appena svegli abbiamo la sensazione di non essersi riposati e di sentirsi fiacchi, affaticati, per questo i normali compiti della vita quotidiana diventano impegnativi più del solito e risulta difficile concentrarsi su di essi, risulta difficile persino mantenere vivo l’interesse per le persone care, le amicizie, e le attività che ci interessano; si può dire che in quei momenti ci sentiamo irritabili ed insofferenti. Per alcune persone tale condizione diventa opprimente e cronica che può condurre fino ad una debilitante disperazione. La stanchezza cronica è una condizione, come molte altre, che spinge il soggetto a rivolgersi al medico, ad ogni modo per poter contrastare questa problematica è necessario un approccio olistico, che tenga in considerazione anche i lati psichici, emotivi, lo stile di vita del paziente, oltre che gli aspetti fisici. Il medico condurrà una diagnosi approfondita ripercorrendo con il paziente il suo passato e presente per constatare se esso ha subito dei traumi (come ad esempio il decesso di una persona  lui cara), che possono aver scaturito quella condizione di malessere. Ad oggi non sono ancora riconosciute ufficialmente le cause che producono la stanchezza cronica, tuttavia sono ipotizzabili alcuni fattori:

I sintomi e condizioni fisiche-psichice che possono far pensare alla stanchezza cronica sono:

  • anemia
  • menopausa
  • ipertiroidismo
  • sposatezza
  • dolori muscolari
  • dolori articolari
  • iperventilazione
  • disturbi della memoria
  • disturbi della concentrazione
  • faringite
  • cefalea
  • sensazione di sonno frequente

Un esempio di evento emotivo traumatico o molto forte che può far scaturire la stanchezza cronica è il non voler affrontare un lutto, ovvero l’incapacità di affrontare e superare il dolore che comporta la perdita di una persona cara. La perdita del lavoro o della propria abitazione possono essere altri eventi favorevoli, il non saper o il non poter manifestare la rabbia e reprimerla può causare questa condizione. Molte persone si sentono ingabbiate all’interno di situazioni intollerabili, tuttavia reprimono consapevolmente la loro ribellione, questo trattenimento consuma molte energie e le lascia esauste e prive di forza per affrontare le altre attività. In particolare vittime di queste condizioni sono le donne: spesso a causa di matrimoni infelici, lavori nei quali non è loro possibile sviluppare a pieno le loro capacità, oppure dove i loro meriti non vengono minimamente riconosciuti. In vissuti di questo tipo le donne finiscono per perdere completamente la fiducia in sé stesse e possono cadere nella depressione la quale provoca una grande stanchezza. La stanchezza cronica è debilitante, produce inquietudini e disagi in chi ne soffre. Per trovare le soluzioni o le cure efficaci è necessario avere molta pazienza sia da parte del medico curante che del paziente.

Rimedi e consigli utili: Cercare il più possibile di dormire secondo le proprie necessità e in modo sufficiente, eseguire esercizi di rilassamento e respirazione. Imporsi di esprimere i propri sentimenti anziché reprimerli, praticare attività fisica. Seguire una dieta equilibrata, i pasti devono essere regolari, e di tanto in tanto nell’arco della giornata potete fare degli spuntini ad alto contenuto proteico. Evitare il consumo di tè, caffè, cocacola e simili. Assumere la giusta quantità di vitamine e minerali: zinco, magnesio, potassio, vitamina C, acido folico. Preferite i latticini magri, germe di grano, frutta secca e fresca, alimenti e prodotti di soia, verderu a foglia larga. Cenare almeno 3 ore prima di andare a dormire, evitare i pasti abbondanti sia a pranzo che a cena. Talvolta la stanchezza cronica può essere indotta dalla noia, ad esempio nelle persone in pensione con molto tempo libero, in tal caso è necessario procurarsi un hobby per smontare il senso di noia. Per il rilassamento possono essere utili oli essenziali al pepe nero, rosmarino e limone, da versare nell’acqua della vasca da bagno ed immergersi per 10 min. In alternativa inalarli. Se la causa dovesse essere un esaurimento nervoso, è possibile utilizzare nella stessa modalità dei precedenti santoreggia e Salvia sclarea. In caso di stanchezza cronica utilizzare gli oli essenziali al limone, alla salvia, al timo e al geranio. Il medico invece cercherà di capire l’origine dell’eventuale stanchezza cronica per individuare le cure esatte, egli potrebbe anche suggerire un percorso dallo psicologo o dallo psicoterapeuta.

Consulta anche: Sindrome da Fatica Cronica-Wikipedia