Colite: Definizione e Rimedi

By  |  0 Comments

ColiteDefinizione di Colite:

La colite è una condizione di disagio intestinale che comprende un cambiamento del rilassamento della muscolatura delle pareti dell’intestino, che spingono il cibo digerito verso l’intestino tenue, il colon e il retto fino ad espellerlo sotto forma di feci attraverso l’ano.

Se in questo processo nella sequenza delle azioni il muscolo è debole o alterato o le azioni avvengono in modo scoordinato, il risultato sono dolori spasmodici con attacchi di diarrea acquosa o stitichezza. Solitamente si presentano entrambe le condizioni in alternanza, la diarrea si presenta solitamente al mattino e può contenere residui di cibo non digerito e materiale vischioso. La colite può colpire persone giovani e adulti di mezza età, ma anche le donne dai 20 ai 45 anni e talvolta anche i bambini. I sintomi possono apparire e scomparire e talvolta la distanza di tempo che intercorre tra una comparsa di un sintomo e l’altra può durare anche degli anni. In caso contrario i sintomi possono avere durata di qualche mese, in entrambi i casi essi possono presentarsi anche dopo aver eseguito un trattamento terapeutico. I sintomi comprendono:

  • dolori simili a crampi nella zona bassa dell’addome
  • presenza e bisogno di espellere aria presente nell’addome
  • senso di gonfiore
  • stanchezza
  • dolore alla schiena
  • dolore e spossatezza generali

La muscolatura dell’intestino è controllata dal sistema nervoso autonomo, questo significa che non è controllata consciamente, infatti la colite può essere causata e peggiorata da questo tipo di fattori:

Alcuni test hanno osservato che le persone affette da sindrome da colite presentano contrazioni rapide ed irregolari invece di avere un’attività muscolare lenta e in sequenza. La colite può inoltre avere delle varianti:

  • Colite spastica: E’ un disturbo non grave originato da un’alterata motilità del colon noto anche come sindrome del colon irritabile ed è quella descritta fino ad ora.
  • Colite Ulcerosa: Le cause di questa condizione sono sempre chiare, si tratta di un infiammazione di tipo cronico che affligge il colon e porta alla formazione di ulcere. I sintomi si originano in dolori addominali ed attacchi intermittenti di diarrea con presenza di tracce di sangue che può comportare fino a 20 scarichi al giorno. Questa malattia deve essere controllata dal medico in maniera frequente soprattutto se il numero degli scarichi aumenta notevolmente o nel caso in cui la condizione persiste.

Rimedi e consigli utili: Importante seguire una dieta con prodotti integrali e contenente fibre adatte a creare massa, ad esempio i semi di lino, che aiutano a ristabilire un corretto equilibrio dell’intestino. Evitare l’assunzione di sostanze alcoliche, caffé e spezie, sono tutte sostanze irritanti. Consigliati i massaggi addominali, che se eseguiti da un professionista o in maniera corretta, contribuiscono ad un normale rilassamento muscolare. Consigliati anche gli infuso alla menta, camomilla con aggiunta di zenzero. Semi di finocchio per la tisana che aiuta a ridurre il senso di gonfiore, e l’achillea che lenisce i dolori e l’infiammazione. Il medico potrà proporre un trattamento terapeutico utile a diminuire lo stress e a controllare l’attività muscolare, potrà inoltre prescrivere farmaci antispastici e antidiarroici o blandi lassativi vegetali. In caso di colite ulcerosa il medico potrebbe invece prescrivere farmaci steroidei o con sulfasalazina. In casi rari potrebbe essere necessaria l’asportazione di una parte del colon attraverso intervento chirurgico, sempre nel caso di colite ulcerosa i cibi integrali sono sconsigliati, così come le verdure, legumi, e latticini, è importante riposarsi a lungo.

Consulta anche: Colite-Wikipedia