Apnea Notturna: Definizione-Rimedi.

By  |  0 Comments

Apnea Notturna IIDefinizione di Apnea Notturna:

La sindrome dell’Apnea Notturna, detta anche sindrome dell’Apnea Ostruttiva del sonno, è un disturbo del sonno.

Si tratta di una sospensione del respiro che si presenta con uno o più episodi nell’arco del sonno, il respiro può anche rallentare in maniera eccessiva. E’ possibile che si presentino quindi una quantità elevata di apnee anche nel giro di una sola ora per poi ristabilirsi in una respirazione corretta, e tal volta con un leggero russare. Infatti questo tipo di fenomeno ricade in particolare sulle persone che russano abitualmente, su persone in sovrappeso e colpisce maggiormente gli uomini rispetto alle donne. Solitamente un episodio dura dai 10 ai 20 secondi circa, e nonostante sia comune la paura di soffocamento nel sonno, in realtà questo tipo di conseguenza non si presenta assolutamente a seguito di un’apnea notturna. L’Apnea notturna se si presenta frequentemente  (oltre le 15 manifestazioni ad ora) e per lungo tempo può causare complicazione sul sistema cardiovascolare poiché il cuore durante il sonno è sottoposto ad uno sforzo maggiore rispetto a chi non soffre di apnea notturna; tende a rallentare e accelerare il battito rapidamente. Inoltre tale condizione produce un’alterazione della coagulazione del sangue, non che episodi di tachicardia. I fattori principali che possono causare questo tipo di disturbo sono dunque:

  • russamento
  • fumo
  • sovrappeso
  • precedenti in famiglia
  • ipertensione
  • vie aeree del naso anatomicamente piccole
  • tonsille ingrossate
  • setto nasale deviato
  • problemi alla tiroide
  • diabete

E’ difficile comprendere da soli se si soffre di apnea notturna o meno, tuttavia possono esservi dei sintomi riconoscibili i quali potrebbero far sospettare di soffrire di apnea nottura:

  • eccessiva sonnolenza diurna
  • russamento importante e continuo
  • boccheggiamento
  • al risveglio un aspetto pallido e stanco
  • cefalea
  • colpi di sonno alla guida
  • secchezza della zona orale al risveglio
  • ritardo di crescita (nei bambini)
  • incontinenza
  • sbalzi d’umore

E’ inoltre possibile aiutarsi da soli con il test di Epword Sleepiness Scale (ESS), il test consiste nel valutare le probabilità che si possono avere nell’addormentarsi in differenti circostanze, attraverso domanda specifiche. E’ necessario dunque valutarle e rispondere con un punteggio da 0 a 3; ad esempio:

  • 0 = Non mi capita mai di addormentarmi in questa situazione
  • 1 = Probabilità bassa che mi succeda di addormentarmi in questa situazione
  • 2 = Probabilità media di addormentarmi in questa situazione (abbastanza spesso, ma non sempre)
  • 3 = Probabilità alta di addormentarmi in questa situazione (quasi sempre)

Tenendo in considerazioni le variabili spiegate qui sopra è possibile rispondere a domande di questo tipo:

  • Guardando la televisione mi capita di addormentarmi… (scegli risposta=0,1,2,3)
  • Seduto in luogo pubblico come ad esempio cinema, teatro ecc. mi capita di addormentarmi… (scegli risposta=0,1,2,3)
  • Seduto mentre leggo mi capita di addormentarmi… (scegli risposta=0,1,2,3)
  • In auto, in qualità di passeggero, dopo circa un’ora di viaggio, mi capita di addormentarmi… (scegli risposta=0,1,2,3)
  • Nel pomeriggio se mi sdraio per rilassarmi mi capita di addormentarmi… (scegli risposta=0,1,2,3)
  • Seduto durante il dialogo con qualcuno mi capita di addormentarmi… (scegli risposta=0,1,2,3)
  • Seduto dopo pranzo senza l’assunzione di alcolici mi capita di addormentarmi… (scegli risposta=0,1,2,3)
  • In automobile in sosta per alcuni minuti a causa del traffico mi capita di addormentarmi… (scegli risposta=0,1,2,3)

Se i punteggi sono molto alti e si sospetta comunque in genere di essere affetti da apnea notturna, è consigliabile contattare il medico al fine di contrastare eventuali danni. Egli vi consiglierà senza dubbio di rimuovere là dove è possibile i fattori che hanno scatenato tale condizione; smettere di fumare, perdere peso, adenoidi, polipi nasali, setto nasale deviato da correggere chirurgicamente, ecc. E’ possibile inoltre che vi consigli di usufruire di uno strumento meccanico nasale chiamato CPAP, tale strumento aiuta la respirazione con una ventilazione meccanica. Per tanto è preferibile conseguire una dieta sana, evitare di fumare e bere sostanze alcoliche, evitare di andare a dormire tardi o con orari sfalsati, è meglio coricarsi più o meno alla stessa ora ogni notte, in fine è possibile che il vostro medico vi suggerirà di sottoporvi ad una visita da un neurologo al fine di trovare una soluzione per questo disturbo.

Consulta anche: Sindrome delle Apnee del Sonno-Wikipedia