Varicella: Sintomi e Rimedi

By  |  0 Comments

Varicella IIDefinizione di Varicella:

La Varicella è una malattia infettiva tra le più comuni , è contagiosa ed ha un periodo di incubazione dalle 3 alle 4 settimane.

Il virus che porta la Varicella è il cosiddetto virus Zoster. La Varicella viene classificata come malattia dell’infanzia insieme a morbillo, pertosse, rosolia e parotite, ma può comunque presentarsi anche in età adulta.  Essa si manifesta dapprima con sintomi febbrili e malessere diffuso, per poi giungere ad un’eruzione cutanea sotto forma di piccole macchie rosse che nel giro di pochissime ore si riempiono di liquido presentando in questo modo qualcosa di simile a delle piccole vescicole, fino a diventare pustole e provocando un fastidioso prurito. Solo in seguito le vescicole inizieranno a seccarsi prendendo l’aspetto di croste che si staccheranno dalla cute in maniera spontanea fino a scomparire, a volte lasciando alcune cicatrici. Nonostante che solitamente la Varicella compaia dapprima sulla testa e poi lentamente passa all’addome e agli arti, ricoprendo dunque quasi tutto il corpo, talvolta le macchie si presentano in numero molto ridotto, tanto da non accorgersi di averla contratta (se non per il senso di malessere generale), portando così a casi di Varicella più importanti e complicati. Una volta che si è stati contagiati dalla Varicella, e una volta che essa ha terminato il suo naturale processo, si rimane immuni per sempre, questo non significa che il virus sia scomparso, rimane latente all’interno del nostro organismo, ma è molto raro che possa sviluppare per una seconda volta la malattia della Varicella. Questa malattia si può trasmettere attraverso starnuti o colpi di tosse da chi ne è affetto, si può inoltre contrarre tramite contatto dirette con le zone cutanee in cui si è diffusa con evidenza la malattia. In caso di gravidanza è possibile che il virus riesca ad infettare anche il feto passando attraverso la placenta fino all’embrione, è dunque necessaria massima attenzione. Nel momento in cui la Varicella porta delle complicanze questo insorgono in sovrainfezioni batteriche, trombocitopenia (diminuzione delle piastrine nel sangue), polmonite, epatite, artrosi, meningoencefaliti. 

Rimedi e consigli: E’ possibile assumere il farmaco Aciclovir entro le prime 24 ore dalla manifestazione dell’eruzione cutanea, tuttavia questo farmaco non elimina il virus o la malattia, serve ad ostacolarla e a renderla meno grave. E’ inoltre possibile alleviare la sensazione di prurito posizionando sulle lesioni dei panni umidi, e fare bagni freschi ogni 3-4 ore nei primi giorni, prima di effettuare questa operazione accertarsi che l’individuo colpito da Varicella possa esporsi all’acqua, tramite il proprio medico curante. Evitare cibi acidi o salati, assumere invece cibi freschi o comunque liquidi. Non assumere aspirina, perché in queste circostanze diviene talmente pericolosa da portare addirittura i soggetti affetti alla morte. Evitare di grattarsi le lesioni anche provocano prurito perché oltre a intromettere in esse batteri, in questo modo è possibile causarsi delle cicatrici. Esistono inoltre dei vaccini preventivi che devono ovviamente essere somministrati prima dell’insorgere della malattia.

Consulta anche: Varicella-Wikipedia