Spasmo: Come si presenta-rimedi

By  |  0 Comments

Spasmo IIDefinizione di Spasmo:

Lo Spasmo è una reazione di contrazione della muscolatura volontaria o non, simile ad un crampo, che può essere prolungata o meno.

Se la condizione degli Spasmi è di tipo duraturo, allora prendono il nome di spasmi tonici. E’ detto spasmo clonico quando il muscolo ne risente in maniera alternata con intervalli irregolari. Tuttavia si possono presentare entrambe le caratteristiche appena descritte, in quel caso lo Spasmo è detto tonico-clonico. Possono essere detti psicogeni qualora si manifestino in seguito a convulsioni o isteria. Le cause degli Spasmi possono essere di varia natura: ad esempi l’eccessiva stanchezza di un muscolo, il mantenerlo per lunghi periodi di tempo nella stessa posizione, disidratazione, aterosclerosi, diabete, anemia, ecc. Nella prima infanzia possono presentarsi più tipi di Spasmi: ad esempio quelli detti in Flessione, dove il bambino presenta scosse alla testa o in tutto il tronco, in flessione o estensione con ipotetico sollevamento delle braccia, questo tipo di sindrome fortunatamente può guarire nel giro di pochi anni. Talvolta i bambini sono anche predisposti a Spasmi detti Affettivi (Laringospasmo). Sono autoindotti, nel senso che si presentano nel caso in cui il bambino si senta particolarmente contrariato o ha un forte disagio fisico. Si presentano con respiro trattenuto, quindi fasi di apnea, e qualche volta con conseguente fase di svenimento. E’ importante sapere che questo tipo di Spasmo, essendo appunto volontario, in realtà non mette a rischio la vita del bambino ed è un fenomeno che solitamente si esaurisce e svanisce nel tempo.

Rimedi e Consigli Utili: Consigliati i massaggi e gli allungamenti degli arti colpiti, impacchi freddi, consumare alimenti ricchi di vitamine, idratarsi bevendo molti liquidi, effettuare esercizi di stretching prima di iniziare le normali attività fisiche. Tuttavia questi rimedi sono consigliabili nel caso in cui gli spasmi non si presentino frequentemente, in caso contrario è preferibile consultare il proprio medico seguendo le sue indicazioni.

Consulta anche: Spasmo-Wikipedia