Poliomielite: Prevenzione e sostegni

By  |  0 Comments

Poliomielite IIDefinizione di Poliomielite:

La poliomielite  è una malattia infettiva virale e si presente con sintomi molto simili a quelli dell’influenza.

Infatti solitamente si manifesta con febbre, mal di gola e cefalea, rigidità del collo, che durano alcuni giorni. Fortunatamente sono piuttosto rari i casi in cui alcuni soggetti sviluppano questo tipo di malattia fino in fondo, ed riescono ad acquisire l’immunità nei confronti di future infezioni. Coloro che contraggono la malattia della poliomielite possono sviluppare dolori e crampi muscolari, spasmi fino ad arrivare a paralisi ed atrofia muscolare, ciò accade perché il virus è riuscito ad accedere all’interno del sistema nervoso centrale. Il periodo di incubazione del virus può variare dai 4 ai 35 giorni. Questa malattia può svilupparsi anche  in forma epidemica, ma grazie ai vaccini ormai diffusi in larga scala, è limitata a paesi del terzo mondo o con scarse condizione di igiene, tuttavia non sono da escludere, rari, ma possibili manifestazioni di tale malattia anche nel nostro paese. Il virus della poliomielite è altamente contagioso, e può essere contratto per via orale o fecale, in maniera diretta o indiretta, ad esempio attraverso eventuali scoli di fognature, bevendo l’acqua che è stata contaminata a causa della mancanza di igiene.

La prevenzione secondo la Medicina Tradizionale:

La poliomielite  può essere prevenuta con adeguate misure sanitarie, e con l’immunizzazione nei bambini di coloro che si recano nei paesi a rischio contagio. In Italia il vaccino contro la poliomielite  viene effettuato sui bambini per legge. Non esiste una cura per contrastarla una volta che si è manifestata al suo stadio completo, è possibile solo prevenirla, in caso di paralisi, che in condizioni gravi può diventare permanente, possono essere di aiuto tutori specifici e fisioterapia regolarmente praticata secondo i criteri medici specifici per ogni soggetto, se la malattia si sviluppa nei polmoni è necessaria la respirazione artificiale. Il vaccino può essere somministrato via orale, o intramuscolare.

Consulta anche: Poliomielite-Wikipedia