Cancro: Origini e Forme

By  |  0 Comments

Cancro IIDefinizione di Cancro:

Il cancro può presentarsi nel momento in cui il sistema immunitario non è più capace di distruggere le cellule caratterizzate da un codice genetico errato consentono dunque ad esse di moltiplicarsi.

Non è semplice affrontare questo tipo di argomento con le persone poiché lo associano inevitabilmente a sofferenza e lutti. E’ importante però ricordare che la parola cancro non contiene di per se un significato negativo, infatti a volte le patologie a cui fa riferimento possono essere curate. Le cause che portano al cancro possono essere di vario tipo a seconda anche dell’origine di esso, il fumo ad esempio è una delle cause più probabili che porta al tumore nei polmoni; un’esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti può creare tumori alla pelle; un’alimentazione particolare può portare ad avere il cancro all’intestino.

Cos’è il cancro: Ciò che accomuna le forme di cancro è lo sviluppo di cellule anormali in una specifica parte del corpo. Le cellule si riproducono continuamente, più del 90% sono ricostruite e riprodotto ogni 6 mesi, si dividono in due parti ed ogni parte acquisisce tutte le parti della cellula, nucleo incluso. All’interno del nucleo è presente il codice genetico di ogni cellula, il quale dovrà determinare il nuovo genere di cellula che si sta sviluppando e che tipo di funzione dovrà avere. Una cellula suddivisa può riprodurre a sua volta cellule mutanti, le quali contengono un codice errato e continuano a riprodursi  senza controllo, finendo per sviluppare una massa di cellule sempre maggiore che prende il nome appunto di cancro o tumore. Tuttavia esistono delle cellule, i globuli bianchi, che hanno lo specifico compito di contrastare le cellule mutanti o anomale, e per farlo devono necessariamente venire a contatto con la cellula anomala la quale a sua volta tenterà in ogni modo di sfuggirgli costruendo barriere sulla propria superficie. Secondo alcuni studiosi il fatto che vengano a creasi delle cellule anomale, non è un fattore eccezionale, queste in situazioni di normalità infatti vengono eliminate dal sistema immunitario sistematicamente. Se tuttavia il sistema di controllo non è più in grado di riconoscere le cellule anomale, o viene sopraffatto da un maggior numero di cellule rispetto a quelle contro le quali è solitamente in grado di combattere, il cancro ha la possibilità di svilupparsi. Alcuni tipi di cellule anomale hanno una certa difficoltà a svilupparsi, come ad esempio il cancro dell’utero, il quale ha un processo di sviluppo molto lento, mentre il tumore alla cervice regredisce più velocemente. E’ inoltre possibile che le cellule tumorali riescano a produrre altre cellule di questo tipo dislocate, lontane cioè dal punto di origine del tumore stesso.

Forme di tumori: 

Carcinoma: E’ un tipo di tumore che affligge i rivestimenti interni ed esterni del corpo, le cavità e la maggior parte degli organi, come ad esempio polmoni e mammella.

Sarcomi: Colpiscono i tessuti connettivi, le ossa e i muscoli.

Leucemia: Colpisce alcune cellule del sangue.

Linfoma: E’ il cancro delle cellule linfatiche.

Melanoma: E’ un tipo di cancro che attacca la pelle.

Cause del cancro: 

L’Ereditarietà può essere considerata una delle possibili cause che scaturiscono il cancro. Ad esempio una donna che in famiglia ha avuto una madre, una zia colpite da cancro al seno, ha molte più probabilità rispetto alla media di riscontrare la malattia. Il fumo come già accennato sopra, può essere causa di tumore ai polmoni. Le persone con caratteristiche di carnagione delicata e rosea hanno molte probabilità rispetto a persone con carnagione più scura, di essere colpite da tumori alla pelle. Soggetti che soffrono di malattie come ad esempio colite ulcerosa, anemia perniciosa ed epatite virale di tipo B, sono più soggette al cancro di persone che non soffrono di questi disturbi. Anche l’ambiente in cui viviamo, o il modo in cui trattiamo il nostro organismo, possono essere fattori che aiutano lo sviluppo del cancro, se ad esempio l’inalazione di particelle di amianto, l’eccesso di grassi nell’alimentazione, cibarsi con alimenti nei quali sono state introdotte sostanze a rischio, un eccessivo uso di bevande alcoliche, l’esposizione prolungata ai raggi solari, radiazioni di tipo nucleare provenienti da scarichi o incidenti (1986 Chernobyl), l’inquinamento ambientale, ecc. Bisogna inoltre tenere di conto che anche fattori di tipo psicologico possono essere causa di tumori; reprimere i sentimenti, la depressione, il dolore di un lutto o una perdita importante, ecc.

Medicina naturale: Solitamente i terapeuti tendono a spingere i propri pazienti alla voglia di vivere, ad incrementale le proprio energie, riuscendo in questo modo ad incrementare le difese naturali dell’organismo e a prevenire lo sviluppo di cellule tumorali. Poiché l’organismo è influenzato anche dalle condizioni dello stato mentale ed emozionale, è naturale che si tenti di correggere eventuali principi di stress e depressione. E’ inoltre consigliabile tenere in considerazione varie strategie di difesa dal cancro anche provenienti da metodi diversi tra loro, dalla medicina tradizionale a quella naturale.

Naturopatia: Consiglia di stabilire delle linee guida per l’alimentazione o il proprio stile di vita, e quando necessario modificarli. Ad esempio è consigliato mantenere una dieta quasi esclusivamente vegetariana, cibi integrali, scarso consumo di zucchero e sale. Nei soggetti che si propongono di seguire una corretta alimentazione, che assumono quindi pochi derivati di grassi animali, e che consumano un buon numero di fibre, avranno meno problemi ad eliminare in maniera più accelerata le scorie che passano dal tratto digestivo, impedendo così alle sostanze cancerogene di essere assorbite o trattenute a lungo.

Medicina Tradizionale: Il metodo più utilizzato nel campo della medicina tradizionale, è senza dubbio l’asportazione del tumore stesso per mezzo dell’intervento chirurgico; se esso viene asportato ad uno stadio iniziale è possibile una guarigione completa. Altri metodi consistono nella radioterapia o nella chemioterapia, terapie appunto che si propongono di distruggere il tumore attraverso l’emissione di radiazioni. Nonostante questo non è detto che tali terapie siano adatte a tutte le forme di tumore esistenti. E’ stato scoperto che quando il tumore raggiunge dimensioni molto grandi tali da poter essere individuato, significa che le cellule cancerogene sono in crescita ormai da anni e possono diffondersi in altre zone del corpo, così da rendere impossibile l’asportazione di tutti i tessuti coinvolti tramite l’intervento chirurgico.  Tumori alla mammella, ai polmoni, all’intestino, all’utero e ai testicoli sono tra quelli che vengono asportati attraverso appunto l’intervento chirurgico. In altri casi, come ad esempio nei tumori di tipo cutaneo, viene utilizzata la terapia radiante. Entrambe le soluzioni hanno però riscontrato notevoli effetti collaterali, i quali dipendono principalmente dalle condizioni iniziali del paziente. I disturbi maggiormente diffusi sono: stanchezza e nausea, i quali è possibile contrastare con l’utilizzo di farmaci specifici. Un altro effetto collaterale dei trattamenti contro il cancro e il tumore è la depressione, è in queste circostanze che molti centri di radioterapia mettono a disposizione uno psicologo. La posizione dei medici tradizionali nei confronti della medicina naturale, solitamente è di tipo scettico, anche se è utile sottolineare che nessun terapeuta naturale serio, avrebbe mai la pretesa di poter curare il cancro solo con metodi naturali.

Consulta anche: Neoplasia-Wikipedia