Stress: Definizione e consigli utili

By  |  0 Comments

Stress IIDefinizione di Stress:

Lo stress può essere causato da vari fattori e su persone anche molto diverse tra loro.

Ad esempio un’ipotesi di causa di stress può essere derivata da un notevole cambiamento nel percorso di vita di una persona. Di per se lo stress, fa parte della vita di tutti i giorni, per tanto non può essere considerato ne come un fattore negativo ne come un fattore positivo, ma certamente è bene non ignorarlo nel momento in cui si manifesta. Lo stress può essere gestito, ma chi ne è afflitto e lo nega tende a mettere in atto alcuni comportamenti di evitamento o negazione: ad esempio in circostanze in cui è necessario prendere delle decisioni o responsabilità, si tende ad accantonarle per non affrontarle, a lasciare in sospeso impegni senza giungere alla conclusione di essi, riversando così i proprio malumori sulle persone vicine. In circostanze saltuarie questi atteggiamenti possono essere normali, ma quando si innescano in maniera costante, allora è presumibile che ci troviamo di fronte ad una ”vittima” dello stress, la quale non sa che la maggior parte delle volte la soluzione a tale condizione sta proprio nelle sue mani.

Come reagire: Si può affrontare lo stress convivendo con esso, reagendo nel modo migliori alle situazioni di cambiamento che si presentano di fronte a noi nella vita di tutti i giorni. Non esiste un unico metodo per affrontare lo stress , ma gli esperti propongono un metodo suddiviso in quattro fasi.

I segnali: Lo stress coinvolge il nostro corpo, la nostra mente e le nostre sensazioni, di conseguenza i sintomi possono presentarsi in vari aspetti; come ad esempio tensioni di tipo muscolare, dolori muscolari, alla testa, sensazioni come ”avere un nodo alla gola”, tic, risate nervose, pulsazioni accellerate, iperventilazione, sudorazione eccessiva, emicrania, ulcera, colite, insonnia, difficoltà a deglutire ecc. Altri segnali possono essere indicati da azioni come il mangiare e bere eccessivamente, azioni autodistruttive, fumare nervosamente e in quantità esagerate.

Le cause: Un evento particolare, un episodio importante, un cambiamento, anche se di breve durata, possono essere identificati come cause di stress. E’ bene dunque indagarli ed imparare a riconoscerli. Alcuni fattori di stress possono essere interni, ad esempio: aver timore di fare ritardo al lavoro, bollette da pagare, il malessere di un disturbo fisico, il senso di colpa per aver agito ”tradendo” i propri principi, ecc. Altri sono fattori detti esterni: rumori fastidiosi, un ambiente inquinato, difficoltà in ambito lavorativo ecc. Bisogna inoltre tenere in considerazioni i fattori che oggi caratterizzano la nostra società, ad esempio: il comprare e buttare continuamente gli oggetti, matrimoni che falliscono in breve tempo, il passare repentinamente dall’ambiente lavorativo a quello di casa, e nello stesso tempo preoccuparsi per la situazione ambientale, dell’eccesso di inquinamento ecc.

 Osservare le reazioni: Lo stesso fattore di stress può essere vissuto diversamente dalla stessa persona in situazioni differenti, o addirittura essere percepito in maniera completamente diversa da un’altra persona. Anche episodi gioiosi dal volta possono risultare fattori di stress (una vacanza, la nascita di un bambino ecc). Esistono tre modi per poter affrontare lo stress e sono solitamente indicati come reazioni di: lotta, fuga e lasciar correre e nessuna di esse può essere di per se considerata come negativa o positiva, piuttosto il problema si pone quando in base a situazioni diverse si risponde sempre nello stesso modo. In quest’ultimo caso è necessario soffermarsi sulla risposta ed tentare di trovare strategie e soluzioni nuove.

  • Reazioni di lotta: Si possono dividere in due modi; esterna, che si propone di affrontare le situazioni in maniera diretta e positiva, talvolta anche anticipandole. Le persone che attuano questi tipi di reazioni sono solitamente molto energiche  e ambiziose, ma possono essere soggetti facilmente irritabili e impazienti, sono soggetti inclini a disturbi di tipo cardiaco e con difficoltà a rilassarsi. Lo stesso tipo di reazione diretta, possono averla persone che tuttavia appaiono emotivamente distaccate e fredde, rigide e ben organizzate, con la differenza che tenendo ad avere un tipo di strategia interna. Quest’ultime sono persone solitamente contrarie ai cambiamenti perché questi creano loro degli squilibri fino a farli arrivare ad avere disturbi di tipo digestivo come coliche o gastriti.
  • Reazioni di fuga: Sono situazioni in cui si fa di tutto per evitare i problemi o per delegarli agli altri. Persone che attuano la fuga come risposta ad un problema possono diventare completamente dipendenti dagli altri rischiando così di non riuscire fino in fondo a realizzare se stessi. Il pericolo di chi tende ad isolarsi, a chiudersi completamente in se stessi, in casi molto gravi possono persino portare al rischio di sviluppare un cancro.
  • Reazioni del lasciar correre: In questo caso non si attua nessun tipo di strategia o azioni nella risoluzione del problema, e nemmeno lo si ignora, è un po’ come ”vivere alla giornata” e lasciar appunto correre a seconda di come ci si sente in quel momento. Soggetti che innescano questo tipo di meccanismo possono apparire come persone incerte, prive di valori ed etica interni, la sensazione in questi casi è che niente sia realmente così importante. Questi tipi di persone sono inclini ad incidenti o a malattie banali.

Analizzati gli aspetti affrontati fino ad ora, dunque, una volta individuate le cause e le reazioni allo stress, è necessario sapere che per essere sereni è indispensabile impegnarsi per tutta la vita, questo anche per avere risultati più stabili nel tempo. Potrebbe essere utile tentare di abbozzare un personale progetto di vita, cercando di seguire le proprie aspettative e aspirazioni portandole a termine.

Medicina naturale: 

Naturopatia. E’ consigliabile un’alimentazione sana ed equilibrata, con l’assunzione di eventuali multivitaminici e minerali, che aiutano a compensare il dispendio eccessivo di energie dovuto da stress. Praticare sport ed esercizi di meditazione, concedersi inoltre momenti di riposo e relax.

Fitoterapia-Le Erbe. Favorevoli al rilassamento possono essere gli infusi di erbe come la melissa, la camomilla, fiori di tiglio e biancospino, valeriana, lattuga, passiflora o ricostituenti come la verbena, la sequoia gigante.

Omeopatia. Nei casi di stress dovuti a forti fattori emotivi, come ad esempio un lutto o altri gravi problematiche simili, può essere utile Ignatia 30 CH. Se si hanno problemi di digestione è possibile assumere Nex vomica 30 CH.Assumere 5 granuli al giorno per 1-2 mesi del rimedio più adatto.

Arti figurative. Può essere utile suggerire ad un paziente di raffigurare in maniera creativa le sue sensazioni, e quello che prova, al fine di renderlo più consapevole.

Il parere della medicina tradizionale. I medici possono consigliare di diminuire gli impegni di lavoro, prescrivere tranquillanti nel caso in cui sia necessario affrontare il problema in maniera più specifica.

 Consulta anche: Stress-Wikipedia