Febbre: Sintomi e Rimedi

By  |  0 Comments

Febbre IIDefinizione di Febbre:

La comparsa delle febbre deve essere considerata un sintomo e non una malattia particolare: solitamente è il segnale che il nostro organismo sta combattendo contro un’infezione.

In caso di febbre quindi la temperatura delle persone, nella maggior parte dei casi, è di 37° C, benché  in alcuni soggetti possa essere di 0,6°C superiore o inferiore. In alcune malattie infettive nei bambini, la temperatura può arrivare anche a 40°C, mentre negli adulti generalmente la temperatura si mantiene a livelli inferiori. Per quanto riguarda gli anziani, è possibile che si manifesti un’infezione senza però che la temperatura cambi: questo significa che la capacità dell’organismo di combattere le infezioni è diminuita. Se il soggetto viene colpito da tremori forti brividi, fino ad arrivare a battere i denti, si consiglia di consultare il medico, poiché tali sintomi potrebbero indicare un’affezione non banale, ad esempio polmonite, la pielonefrite (infezione renale) o la malaria. Inoltre la febbre non si presenta necessariamente in caso di infezioni, ma anche nel corso di malattie infiammatorie o immunologiche, come l’artrite reumatoide o l’orticaria.

Rimedi con la medicina naturale

Fitoterapia-Le Erbe. In caso di febbre possono essere assunti vari tipi di tisane, ad esempio:

Corteccia di salice, usata sia dagli antichi Greci che dagli Indiani D’America, aiuta ad abbassare la febbre. La corteccia deve essere bollita in acqua calda, e il decotto ottenuto deve essere bevuto abbondantemente. La corteccia di salice contiene una sostanza che l’organismo è in grado di convertire in acido salicilico, ovvero il componente base dell’aspirina.

Pepe di Caienna, è una polvere di pepe rossa e piccante, può essere aggiunta in piccole quantità al latte caldo, al tè, o all’acqua. Diversamente, è possibile assumere una capsula di gelatina di Caienna, bevendo immediatamente dopo un bicchiere d’acqua.

Eupatorium perfoliatum, altro rimedio già noto agli indiani D’America. Utilizzo: Aggiungere 1 o 2 cucchiaini alla sostanza essiccata a una tazza di acqua bollente, lasciare in infusione per 10-15 minuti, assumerne ogni mezz’ora fino all’abbassamento della febbre.

La visita medica: I medici naturali considerano la febbre come un processo attraverso il quale l’organismo risponde a un’affezione. L’intensa sudorazione è considerata un segnale positivo, poiché si è soliti pensare in queste circostanze che il corpo stia cominciando ad espellere le sostanze indesiderate, quindi il trattamento non avrà necessariamente lo scopo di eliminare la febbre. Il terapeuta può suggerire diversi preparati, secondo le caratteristiche della febbre. Oltre alle erbe già citate, potrà consigliare, sotto forma di infuso, decotto o tintura, anche la borragine, la camomilla, l’eucalipto o il tagete.

Naturopatia-La visita medica: I naturopati considerano la febbre come una specie di ”crisi di guarigione”, un processo attraverso il quale le funzioni difensive naturali del corpo, cercano di aiutarlo a guarire dall’infezione. Vi consiglieranno di evitare l’assunzione di cibi solidi e di preferire 4-6 bicchieri al giorno di succhi di verdura non zuccherati. Se il paziente si sente debole, ma comunque ha appetito, gli sarà permesso assumere brodo di verdura mista.Una volta scomparsa la febbre e tornato il normale appetito, sarà possibile tornare ad assumere cibi solidi, partendo da yogurt naturale e frutta fresca. Se il paziente è un bambino di età inferiore ai 5 anni, verranno consigliate spugnature di acqua fresca sul collo, viso ed estremità. Per adulti o bambini più grandi invece è possibile applicare un impacco al tronco o all’addome: si copre il corpo con un lenzuolo immerso in precedenza in acqua, quindi si avvolge intorno un secondo lenzuolo asciutto, lasciando il paziente in questa posizione per tre ore o per una notte intera. In alternative è possibile applicare sulla fronte compresse fredde.

Altre ipotesi di cura:

Omeopatia. Aconitum viene prescritto ai primi segnali di comparsa di febbre accompagnata da forti brividi, da una grande senso di irrequietezza e da intensa sete, che aumenta la notte.

Belladonna quando il paziente ha la sensazione di ”bruciare”, il viso diventa caldo e arrossato, e le pupille sono dilatate.

Bryonia nei casi in cui l’individuo abbia la bocca asciuttta, una forte sete, bisogno di stare tranquillo e cefalea che si aggrava al più piccolo movimento.

Pulsatilla può essere prescritta se il bambino è inquieto, piange o è alla ricerca di attenzioni.

Nux vomica se il paziente è estremamente irritabile, ipersensibile e sente freddo. Se la condizione descritta è accompagnata da un eccesso di salivazione, diffocoltà respiratoria notevolmente grave durante la notte, provate Mercurius Solubilis. 

Gelsemium quando il paziente non ha sete, prova brividi di freddo lungo la colonna vertebrale, mal di testa che peggiora ad ogni piccolo movimento, sensazione di pesantezza alle palpebre e agli altri e se desidera stare coricato tranquillo al buio.

Tutti i rimedi vanno assunti in 5 CH, 3 granuli più volte al giorno e durante la notte.

Sali di Schuessler-Ferr. phos. viene consigliato se le pulsazioni sono rapide, il viso è arrossato con sensazioni di freddo, vomito, e cibo non digerito. Il rimedio deve essere assunto ogni mezz’ora, finché la febbre non si abbassa. Negli eventuali casi in cui la febbre è assocciata a nervosismo e debolezza è consigliato assumere Kili phos.

Aromaterapia. In caso di febbre dovuta ad effezioni, alcuni oli essenziali, possono essere utili per la loro azione disinfettante, antivirale e antibatterica. Versatene poche gocce su un fazzoletto e inalate più volte al giorno. In caso di influenza sono indicati gli oli di timo e di limone; per la bronchite oli di eucalipto, per la faringite oli di cajeput, per il raffreddore oli di timlo; per le infezioni intestinali oli di cajeput; per le infezioni renali e la cistite oli di Thuja e di cajeput.

Medicina tradizionale: come in quella naturale, i medici tradizionali  considerano la febbre come un sintomo della lotta combattuta dell’organismo contro un’infezione. Consiglieranno dunque il riposo in ambiente fresco, con assunzione di abbondanti liquidi, Potrebbe prescrivere farmaci antipiretici o antinfettivi e verranno naturalmente ricercate le cause della febbre.

Consulta anche: Febbre-Wikipedia