Tecnica di Alexander

By  |  0 Comments

Tecnica di Alexander IIDefinizione di tecnica di Alexander:

L’attore Frederick Matthias Alexander ha elaborato la tecnica che porta il suo nome, quando in occasione di un calo della voce scoprì di riuscire a risolvere il problema migliorando la posizione del proprio corpo.

A partire da quel momento si iniziò ad elaborare in maniera sempre più complessa la Tecnica di Alexander, tanto che oggi esistono numerosissime scuole e insegnanti che la diffondono. Per trarre beneficio da questa tecnica è necessario osservare la propria postura allo specchio e ripetere alcuni esercizi. La tecnica di Alexander insegna ad assumere una posizione corretta che permette al nostro organismo di  funzionare più naturalmente, in maniera efficiente e senza stress. E’ particolarmente indicata per favorire l’armonia del corpo e migliorare i disturbi come mal di schiena e emicrania. Può essere adottata da soggetti di tutte le età, migliorandone, oltre che lo stato di salute, la resistenza allo stress, la condizione emotiva e la prontezza mentale. Secondo Nikolaas Tinbergen (premio Nobel per la fisiologia e medicina nel 1973) questo metodo aveva migliorato lo stato di individui in condizioni molto diverse come ipertensione, sonno profondo, respirazione durante e durante il suono di strumenti musicali. Il primo risultato visibile è l’aumento di statura dovuto al mantenimento della posizione eretta. Le indicazioni di Alexander sono molto adottate da oratori, ballerini e atleti. Ma nel corso di quali condizioni patologiche si può ricorrere a questo metodo?

Durante l’incontro con l’insegnante verremo osservati tutti i nostri gesti anche i più banali come la camminata. Dopo l’osservazione l’insegnante vi indicherà quali posizioni correggere e quali muscoli cominciare ad usare in maniera corretta. Con l’allenamento si imparerà ad allentare la tensione e usare bene il nostro corpo, muovendosi in maniera sempre più rilassata e sciolta. Per essere in grado di eseguire da soli la tecnica sono necessarie una trentina di sedute da 30-45 minuti l’una. La medicina tradizionale  raramente consiglia questa tecnica, ma non si oppone neanche in maniera eclatante, forse per mancanza di grossi conflitti con le teorie classiche. Recentemente è stato inoltre dimostrato da alcune ricerche scientifiche il legame tra ansia e tensione fisica.

Consulta anche: La Tecnica di Alexander.com