Rimedi Bach: la storia, le proprietà.

By  |  0 Comments

Rimedi di Bach IIDefinizione di Rimedi Back:

Edward Bach, medico e batteriologo, praticava la medicina omeopatica, convinto della capacità dei metodi naturali di curare molte malattie, è da qui che vengono i rimedi Bach.

Nel 1917 in seguito ad una grave malattia, si rese conto di riuscire a stabilire intuitivamente le proprietà curative delle piante e le patologie che potevano essere trattate con queste, decise così di trasferirsi in Galles per approfondire le sue ricerche.
Bach sosteneva che la rugiada dei fiori fosse impregnata delle proprietà curative e la raccoglieva per somministrarla ai suoi pazienti. Ben presto non ne aveva abbastanza per trattarli tutti, studiò quindi una nuova soluzione rappresentata dai fiori appena colti, messi a galleggiare in acqua di sorgente e rivolti verso la luce solare. La preparazione dei suoi rimedi fu così semplificata e razionalizzata, rendendo possibile la commercializzazione dei rimedi Bach.
La caratteristica principale delle 38 preparazioni dei rimedi Bach è di essere prescritte in seguito ad un’accurata analisi della persona nella sua totalità non focalizzandosi solamente sulla malattia. I disturbi fisici e psicologici derivano da uno squilibrio interiore che può essere affrontato grazie agli elementi della natura.
Diversi studi e molte testimonianze provano l’efficacia dei rimedi Bach. La medicina tradizionale rimane comunque nel dubbio riguardo ai rimedi Bach, dividendosi tra chi non ne riconosce una validità scientifica e  chi sostiene tale metodologia.
I sostenitori di Bach e dei rimedi Bach credono che tutti possano trarre beneficio dai composti. Oltre a sintomi psicologici ed emotivi, si possono trattare anche disturbi fisici, magari in concomitanza con farmaci tradizionali.
Se vi recate da un terapeuta questi vi chiederà di parlare di voi stessi e della vostra vita, vi consiglierà i rimedi più appropriati e le modalità di somministrazione, suggerendo poi di appuntare ogni cambiamento sulle proprie condizione durante e dopo la cura sui rimedi Bach.
Si può ricorrere a questi trattamenti anche senza un terapeuta secondo Bach. Se ci si approccia autonomamente ai rimedi è fondamentale esaminare il più onestamente possibile le proprie abitudini, le condizioni fisiche, psicologiche, emotive e gli atteggiamenti e comportamenti. Mai usare più di 5 composti contemporaneamente, usarne meno possibile è considerato più efficace; secondo l’ideatore per ognuno esiste un trattamento ideale e questo può essere assunto per un lungo periodo, associandolo  con altri rimedi sporadici quando necessario.
In Italia è possibile trovare i rimedi Bach presso le farmacie che trattano i rimedi alternativi. Si consiglia l’assunzione di 4 gocce diluite per 4 volte al giorno.I rimedi Bach si pensano adatti a neonati, bambini (sconsigliati quelli a base di alcol) e persino animali.
Ecco quali sono i rimedi Bach e le indicazioni d’uso:

  • Agrimony  per chi nasconde i problemi dietro una facciata allegra;
  • Centaury  per chi non riesce mai a dire “no”;
  • Chicory possessivi e iperprotettivi nei confronti delle persone care;
  • Rock Rose  per chi è preso da grande paura e panico;
  • Gentian contro pessimismo e scoraggiamento;
  • Mimulus  per chi ha paura delle cose di tutti i giorni  ed è timido;
  • Impatiens per chi è impaziente e non sopporta interferenze coi suoi ritmi;
  • Cerato per chi non ha fiducia in sé e chiede continuamente consiglio ad altri;
  • Scleranthus per chi è indeciso tra due scelte;
  • Vervain  per chi si lascia trasportare troppo dall’entusiasmo e ha un forte senso di giustizia;
  • Water Violet  per chi ama stare da solo e talvolta e’ orgoglioso;
  • Clematis per chi sogna ad occhi aperti, vivendo più nel futuro che nella realtà;
  • Rock Water per chi è molto rigido nel suo modo di essere e desidera essere d’esempio;
  • Wild Oat per chi è insicuro sul ruolo da svolgere nella vita;
  • Heather per chi non ama stare solo e attacca spesso bottone, pur di poter parlare con altri;
  • Gorse per chi prova grande disperazione e si sente come bloccato;
  • Olive per chi è esausto a causa di fatica fisica o mentale;
  • Oak per chi non riesce a staccare, lavora molto e non si arrende mai;
  • Vine per chi prova desiderio di dominare gli altri;
  • Hollyper chi prova rabbia, invidia e odio, sentimenti negativi forti nei confronti degli altri;
  • Honeysuckle  per chi ha nostalgia del passato;
  • Hornbeam per chi non riesce a cominciare la giornata con la giusta energia;
  • White Chestnut per chi ha pensieri costanti e indesiderati, e desidera pace mentale;
  • Sweet Chestnut per chi prova un’ansia estrema, dove non si vede altro che distruzione;
  • Red Chestnut per chi prova apprensione per i propri cari;
  • Beech per chi desidera vedere più bellezza ed è talvolta intollerante con gli altri;
  • Chestnut Bud per chi ripete sempre gli stessi errori;
  • Larch per chi ha una bassa stima di sé, e ha paura di fallire;
  • Crab Apple per chi ha necessità di pulizia nel corpo o nella mente;
  • Cherry Plum per chi ha paura di perdere la ragione e l’autocontrollo;
  • Walnut per chi deve affrontare grandi cambiamenti e necessita di protezione dalle influenze esterne
  • Elm per chi si sente sommerso di responsabilità;
  • Pine per chi ha un forte senso di colpa;
  • Aspen per chi ha paura di cose vaghe, indistinte, e senza apparente motivo;
  • Wild Rose per chi si abbandona alla rassegnazione e all’apatia;
  • Willow per chi prova amarezza e risentimento;
  • Mustard per chi si sente momentaneamente infelice e non sa dire il motivo;
  • Star of Bethlehem per chi ha subito uno shock emotivo.

Consulta anche: Fiori di Back-Wikipedia