Agopuntura: Definizione e pratica

By  |  0 Comments

Agopuntura IIDefinizione di Agopuntura:

L’agopuntura è un’antica terapia cinese, durante la quale i pazienti sono trattati attraverso la stimolazione di alcuni punti del corpo mediante degli aghi.

I punti in questione si trovano lungo canali di energia definiti meridiani, canali che secondo gli agopuntori, sono collegati con gli organi interni e l’utilizzo dell’ago ha lo scopo di sbloccare, diminuire o favorire il flusso di energia che vi scorre.
La medicina tradizionale cinese considera il corpo umano in equilibro tra forze contrapposte:

  • yin, energia femminile passiva, tranquilla che rappresenta il buio, il freddo, il gonfiore e l’umidità
  • yang energia maschile. stimolante ed aggressiva che rappresenta contrazione, secchezza, calore e luce.

Si crede dunque che i disturbi fisiologici e le malattie derivino dallo squilibrio tra le due forze. Se prevale lo yang può causare aumento della pressione sanguigna, mal di testa, infiammazione, spasmi e dolori improvvisi; un eccesso di yin causa dolori sordi, stanchezza, diarrea, ritenzione idrica e sensazione di freddo.
La diagnosi e il trattamento vogliono identificare tutti gli squilibri e porvi rimedio, inserendo gli aghi nei punti appropriati. La tradizione individua 365 punti di agopuntura, nei secoli ne sono stati scoperti altri e nelle mappe più recenti ne sono segnati più di 2000.
I punti più importanti si trovano sui 14 meridiani e sono chiamati secondo l’organo che rappresentano: cuore, milza, stomaco, intestino tenue, grosso intestino, polmoni, fegato, cistifellea, vescica e reni; si aggiungono poi due meridiani relativi ai due organi non riconosciuti dalla medicina tradizionale il pericardio (controlla la circolazione e l’attività sessuale) e il triplice riscaldatore (che controlla il sistema endocrino). Gli ultimi due sono il Ren (vaso concentrazione) e il Du (vaso governatore) che corrono verticalmente lungo la meridiana del corpo.
Secondo questa disciplina il flusso energetico è alterato dai disturbi fisici, emozionali ed ambientali, l’intervento dell’agopuntore ristabilirà la normalità del flusso.
Nel mondo occidentale si ricorre all’agopuntura per curare disturbi come:

L’efficacia all’agopuntura soprattutto per trattare malattie caratterizzate da sindrome dolorosa, ne ha aumentato l’interesse scientifico nel mondo occidentale.
Sono ormai numerose le prove a favore della teoria che i punti di agopuntura siano delle zone rilevanti dal punto di vista curativo. Gli occidentali parlano di trigger points, piccole aree già da tempo oggetto di trattamenti per la riduzione del dolore come iniezioni, massaggi, flussi di calore. Spesso queste si trovano a notevole distanza rispetto all’organo affetto e per il 70% coincidono con i punti dell’agopuntura.

Consulta anche: Agopuntura-Wikipedia