Cistite: Infiammazione della vescica.

By  |  0 Comments

Cistite IIDefinizione di Cistite come infiammazione della vescica.

L’infiammazione della vescica, nello specifico della sua mucosa è definita cistite.

La cistite è causata dalle infezioni alle vie urinarie.
Ma quali sintomi devono far scattare l’allarme?

  • si sente molto più spesso la necessità di orinare, ma il volume della minzione risulterà molto ridotto;
  • la minzione avviene con difficoltà e a gocce in molti casi;
  • sensazione di dolore, bruciore e brividi di freddo durante l’espulsione dell’urina;
  • fastidio alla parte alta del pube, sensazione di non aver mai svuotato la vescica del tutto.
  • urina con cattivo odore e torbida
  • perdita di sangue durante la minzione
  • nei casi gravi si può verificare anche febbre

Come abbiamo già accennato la cistite è conseguenza dalle infezioni che, a causa di batteri come l’Escherichia Coli, lo Stafilococcus Epidermis e lo Streptococcus Fecalis, si diffondono nelle vie urinarie e nel colon. Le infezioni derivano anche da germi aerobi che proliferano nella flora fecale (Pseudomonas, Serratia, Enterobacter, Proteus, Klebsiella)
Le vie urinarie e l’apparato genitale sono un ambiente favorevole alla proliferazione di batteri e germi, questo può derivare da una cattiva igiene personale, uso eccessivo di farmaci, sregolatezza alimentare, rapporti sessuali non protetti, utilizzo di assorbenti interni e utilizzo di saponi aggressivi che alterano il nostro ph naturale.
L’anatomia caratterizzata da una un’uretra molto corta e vicinissima a vagina e retto, predispone maggiormente le donne a casi di cistite.
Il medico come indicazione terapeutica prescriverà un ciclo di antibiotici di 5-7 giorno. Il ricorso a questo tipo di cura risolve sicuramente il problema nel breve tempo, ma aumenta il rischio di ricadute oppure di cronicizzazione della cistite stessa.
Tra i rimedi naturali alcuni consigliano l’acidophylus, probiotico che contrasta i microbi causa di infezioni, e la tintura madre di uva ursina, pianta antibatterica composta da arbutina.

È possibile assumere atteggiamenti preventivi che riducono fortemente il rischio di contrarre l’infiammazione:

  • Evitare salumi, sale, zucchero, alcolici, caffè e tè, affettati, cibi molto speziati e bibite gassate
  • Includere nella propria dieta frutta acida (mirtilli kiwi e pompelmi) e yogurt
  • Bere 1,5 l di acqua al giorno
  • Non trattener l’urina a lungo
  • Avere un intestino regolare
  • Utilizzare saponi con ph tendenzialmente acido
  • Evitare lavande e trattamenti di questa natura
  • Evitare di portare indumenti e costumi bagnati

Consulta anche: Vescica Urinaria-Wikipedia