Orecchio: anatomia e funzione

By  |  0 Comments

Orecchio IIDefinizione di Orecchio: anatomia e funzione.

L’anatomia  individua tre parti nell’orecchio umano:

  • esterno: questo è composto da due parti: padiglione auricolare e meato acustico esterno. Il primo è sostenuto da uno scheletro composto da cartilagine e da rilievi e depressioni che gli conferiscono la caratteristica forma che varia da persona a persona. Il padiglione ha la funzione di concetrare e rinforzare l’energia meccanica vibratoria del suono. Dunque il paglione e il meato acustico esterno ci permettono di catturare le onde sonore ed incanalarle verso il timpano. Il meato acustico esterno lunga 24 mm circa, è inclinato in avanti e disposto in maniera trasversale. E’ composto da fibrocartilagine esterna ed interna, ossee, separate da un restringimento definito come istmo. la cute che riveste questa zona dell’orecchie è composta da ghiandole sudoripate e da ghiandole sebacee. Queste ultime producono un secreto che contribuisce a formare una sostanza giallastra detta cerume la quale ha il compito di proteggere la cute del condotto con la sua funzione antibatterica e grazie alla sua composizione di pH acido.
  • medio: composto da cavo  e membrana del timpano, catena degli ossicini dell’udito, apparato mastoideo e tromba di Eustachio, i suoni catturati nell’ambiente esterno vengono “traghettati” da queste strutture dentro il nostro corpo;
  • interno: composto da un  labirinto membranoso, che si insedia all’interno di un labirinto osseo, connessi tra loro attraverso la perilinfa (liquido infracellulare).

All’interno dei due labirinti si possono individuare piccolissimi organi distinti. In quello membranoso troviamo utricolo e sacculo, canali semicircolari e condotto cocloeare membranosi.

In quello osseo invece osserviamo la coclea, i canali semicircolari e la scala vestibolare che mette in comunicazione gli altri due.

L’orecchio forma l’apparato uditivo, le cui funzioni sono di percepire e gestire stimoli sonori, spaziali e gravitazionali.

L’orecchio esterno e medio hanno come compiti principali la percezione dei suoni e la trasmissione di questi agli organi dell’orecchio interno; il suono che arriva nella parte interna viene elaborato grazie ai recettori acustici posizionati sulle pareti ossee interne, attivati attraverso l’endolinfa, altro liquido infracellulare presente all’interno dell’orecchio, che stimola la loro membrana esterna.

La coclea ed i canali semicircolari ospitano anche i recettori dell’equilibrio che grazie alla cupola (gel che riveste le ciglia degli stessi) percepiscono i movimenti del corpo umano.

Consulta anche: Orecchio-Wikipedia