SANGUE DAL NASO: EPISTASSI.

By  |  0 Comments

EpistassiDefinizione di Epistassi: Sangue dal Naso.

Il naso rappresenta una delle parti del corpo più vulnerabili dal momento che è ricco di vasi sanguigni vascolari e sporge sul viso.

Dunque un trauma subito dal volto può facilmente far sanguinare il naso (epistassi) e creare delle lesioni all’organo. La fuoriuscita di sangue dal naso può essere abbondante o rappresentare solo una lieve complicanza. L’incidenza di emorragie nasali è più elevata durante i mesi invernali, quando le infezioni delle vie respiratorie sono molto più frequenti e la temperatura e l’umidità variano in modo più drastico. Inoltre i cambiamenti da un ambiente esterno freddo a un ambiente interno riscaldato e asciutto possono causare sangue dal naso come risultato di essiccazione nasale. Il sanguinamento nasale può verificarsi anche durante le stagioni calde, quando il clima è secco e l’umidità è bassa, oppure durante i cambiamenti di stagione. Le cause di fuoriuscita di sangue dal naso sono molteplici: infezioni, traumi al volto, rinite allergica e non allergica, pressione alta, uso di farmaci anticoagulanti e abuso di alcool. Cause meno comuni, ma talvolta verificabili, sono tumori e problemi ereditari di tipo emorragico. Anche i cambiamenti ormonali che si verificano durante la gravidanza possono aumentare il rischio di emorragie nasali.
Nella maggior parte dei casi di sanguinamento nasale, il problema può esser gestito in modo autonomo senza ricorrere all’aiuto del medico. Diversamente a quanto molte persone pensano o hanno sempre creduto, in caso di sanguinamento dal naso è necessario inclinare leggermente la testa in avanti e non all’indietro perché in questo caso il sangue tornerebbe velocemente nei seni e raggiungerebbe la gola causando o conati di vomito oppure l’ingurgito del sangue stesso. Mentre si piega in avanti la testa è necessario stringere insieme tutte le parti molli del naso con l’indice e il pollice. Il naso deve essere premuto con decisione contro il viso, a schiacciarlo contro le ossa del viso. La pressione deve essere mantenuta per almeno cinque minuti e l’azione deve essere ripetuta fino a quando il naso non ha smesso di sanguinare. Successivamente, sempre mantenendo la testa più alta del livello del cuore, è bene sedersi tranquillamente, evitando di distendersi o inclinare la testa fra le gambe. La testa deve stare in posizione sollevata di 30-45°circa. È bene non soffiarsi il naso dopo il sanguinamento e se si deve starnutire è consigliato aprire la bocca in modo che l’aria fuoriesca dalla bocca e non attraverso il naso. È necessario non esercitare pressione durante la defecazione o il sollevamento di oggetti pesanti. La testa deve essere sempre mantenuta a un livello più alto rispetto al cuore ed è severamente sconsigliato fumare. Anche ciò che si mangia può incidere sulla recidività del sanguinamento. Per esempio non si dovrebbe ingerire liquido caldi per almeno 24 ore. Non si deve assumere farmaci che fluidificano il sangue e se l’assunzione di questi medicinali è precedente al sanguinamento è utile consultare il medico prima di interrompere la cura o continuarla. Il medico potrebbe consigliare certi tipi di pomata per lubrificare l’interno del naso.
Se il sanguinamento dal naso dovesse ripresentarsi, l’utilizzo di uno spray decongestionante nasale potrebbe essere una soluzione utile poiché restringe i vasi sanguigni. Tuttavia questi tipi di spray nasali, se utilizzati per molto tempo, possono causare dipendenza e si raccomanda il loro uso nel breve termine. Spray decongestionanti devono essere sconsigliati per i soggetti che soffrono di pressione alta.
Se il sanguinamento dal naso si presenta in occasioni numerose o se non si riesce ad arrestare il flusso sanguigno è necessario recarsi dal medico o al pronto soccorso più vicino.

Consulta anche: Epistassi-Wikipedia