INFIAMMAZIONE DELLA PELLE: ECZEMA.

By  |  0 Comments

L’ eczema è un’infiammazione essudativa della pelle resa sensibile a causa di vari allergeni esterni ed interni. Il termine eczema deriva dal greco “ec”, fuori, e “zema”, ebollizione. In presenza di questo disturbo infatti l’effetto della pelle all’esterno è quello simile a un’ebollizione cutanea.
I termini eczema e dermatite sono utilizzati nella maggior parte dei casi come sinonimi. Tuttavia la dermatite comprende tutte le patologie infiammatorie della pelle, mentre l’eczema rappresenta una specifica tipologia di dermatite. Quindi ogni tipo di eczema è una dermatite, mentre non tutte le dermatiti sono eczemi. È stato osservato che in linea generale le dermatiti si sviluppano maggiormente negli Stati Uniti, mentre l’eczema è molto più frequente nei paesi europei.
Sia l’eczema che la dermatite sono infiammazioni della pelle che di solito compaiono con prurito, arrossamento e desquamazione della pelle. A seconda dello stadio dell’infiammazione, si distinguono l’eczema acuto, l’eczema subacuto e l’eczema cronico. A seconda delle cause scatenanti, si distinguono invece l’eczema endogeno e l’eczema esogeno. Lo sfogo cutaneo che si presenta con questa patologia ha caratteristiche diverse a seconda del grado di infiammazione e della tipologia del disagio eczematico.
L’infiammazione della pelle è una risposta cellulare e vascolare della pelle a una varietà di allergeni, compresi prodotti chimici, agenti infettivi e altri fattori biologici o fisici.

L’infiammazione presenta cinque segni caratteristici:

• CALOR – Calore;
• RUBOR – Arrossamento;
• DOLOR – Dolore;
• TUMOR – Gonfiore;
• FUNCTIO LAESA – Perdita della funzione.
L’infiammazione è in realtà un meccanismo di protezione attraverso cui il corpo cerca di eliminare i corpi estranei che invadono tutti gli organi di cui è composto, compresa la pelle. Quando l’infiammazione danneggia il tessuto, inizia la patologia vera e propria. Lo sfogo cutaneo tipico dell’eczema rappresenta proprio la risposta infiammatoria del corpo a difesa della pelle.
Le fasi eczematiche:

Fase acuta– la fase acuta presenta eruzioni cutanee accompagnata da prurito, rossore ed escoriazione ed eruzioni cutanee edematose, con gonfiore localizzato, accompagnate da vesciche di liquido che poi si asciugano fino a crearsi intorno uno strato di crosta e diventare appiccicose.

Fase subacuta– la fase subacuta presenta rossore diffuso, gonfiore, prurito ed eruzioni cutanee con formazione di croste e ispessimenti.

Fase cronica– la fase subacuta presenta una riduzione dell’arrossamento e un aumento dello spessore della pelle che poi si pigmenta di solchi, fase nota come lichenificazione.

Il metodo di trattamento dell’eczema dipende dallo stadio. Questo disturbo della pelle si differenzia in endogeno ed esogeno a seconda delle cause. L’eczema esogeno è causato da fattori esterni al corpo, mentre l’eczema endogeno da cause interne. Tuttavia molti eczemi si presentano nella zona di mezzo tra l’interno e l’esterno, e per tale ragione si parla di eczemi con causa mista. Per esempio la dermatite atopica, che è conosciuta come eczema principalmente endogeno, è spesso innescato da differenti cause esogene, tra cui cibo, polvere, poca umidità e simili.

ECZEMI ESOGENI: ALCUNI ESEMPI
Dermatite allergica da contatto;
Dermatite irritante da contatto;
• Eczema infettivo;
• Fotodermatite;
• Eczema da radiazioni;
• Eczema infettivo da fattore fungino.

ECZEMI ENDOGENI: ALCUNI ESEMPI
Dermatite atopica;
• Eczema secco;
• Eczema discoide;
• Stasi dermatite;
• Neurodermite;
• Eczema plantare giovanile.
L’eczema comprende una vasta gamma di malattie infiammatorie della pelle che devono essere trattate singolarmente a seconda delle cause e dello stadio dell’infiammazione.

RIFERIMENTO
Rook’s Textbook of Dermatology, 7th Edition, 2004