VAGINITE: infiammazione della vagina

By  |  0 Comments

Definizione di Vaginite: infiammazione della vagina.

Vaginite significa letteralmente infiammazione della vagina

.Le cause più comuni di vaginite sono le infezioni, ma anche allergie a prodotti, come sapone o profumo, oppure il materiale di alcuni preservativi.
I sintomi della vaginite sono i seguenti:

• Cambiamento nella secrezione, sia per odore che colore;

• Prurito o sensazione di bruciore all’interno della vagina;

• Disagio al passaggio dell’acqua sulla vagina o durante il rapporto sessuale.

La vaginite può essere causata da diversi tipi di organismi, sebbene i sintomi risultino essere sempre molto simili. Le cause più comuni di vaginite sono:

• Il mughetto, un’infezione causata da un fungo e definita infezione da candida. La candida rappresenta la causa più comune di vaginite e provoca una forte irritazione della vagina. Il rischio di sviluppare infezioni fungine aumenta se si soffre di diabete, si è in gravidanza o il nostro sistema immunitario presenta disfunzioni. La presenza di un fungo nella vagina è quasi sempre causata da un cambiamento nell’equilibrio acido della vagina che porta così a un aumento della crescita di funghi. Il fungo diventa visibile dal medico soprattutto dopo aver fatto uso di antibiotici.
Non esiste sempre una ragione ovvia causa dell’infezione alla vagina. Molte donne riconoscono i sintomi e cercano un trattamento in farmacia. Tuttavia nell’incertezza di problematiche più gravi è sempre meglio recarsi dal medico.
La diagnosi è facile da effettuare e può essere fatta prelevando un tampone vaginale. Il trattamento può prevedere ovuli compresse per via vaginale oppure per via orale.

• La tricomoniasi, infezione causata da un piccolo organismo chiamato flagellato. Tra i sintomi più comuni troviamo una secrezione abbondante di color giallo-verdastro, prurito, sensazione di bruciore e dolore all’interno della vagina.
La diagnosi viene effettuata con l’analisi di un tampone del materiale secreto.
Il trattamento prevede un breve ciclo di antibiotici.

• La vaginosi batterica, infezione causata dalla crescita di batteri che portano l’acido della vagina a diventare più alcalino. Questa infezione provoca comunemente la secrezione di un liquido grigiastro e schiumoso con cattivo odore.
La diagnosi viene effettuata analizzando un tampone della secrezione.
Il trattamento prevede un breve ciclo antibiotico.

• La clamidia, causa insolita di vaginite in quanto l’infezione spesso non produce sintomi visibili e percepibili a meno che sia presente una malattia infiammatoria pelvica. La clamidia è una patologia che si trasmette sessualmente, sarebbe quindi necessario trattare anche il proprio partner sessuale.
La diagnosi viene effettuata prelevando un campione dalla cervice o dall’uretra.
Il trattamento prevede un ciclo antibiotico.

• L’herpes, causato a sua volta dal virus herpes simplex, è una malattia che si trasmette sessualmente. L’herpes è visibile sull’ingresso della vagina come piccolo vescicole. Tra i sintomi più comuni causati dall’herpes si trovano febbre, malessere generale, minzione dolorosa, gonfiore e rossore delle labbra e dell’ingresso della vagina.
La diagnosi viene effettuata dal medico che osserva l’area interessata e preleva tamponi specifici per poi mandarli ad analizzare. Il trattamento antivirale viene spesso raccomandato. Purtroppo le infezioni da herpes si ripresentano spesso anche se con sintomi meno gravi.

QUANDO SI DEVE CONSULTARE UN MEDICO?
In caso di secrezione vaginale o vaginite, soprattutto se si pensa che la patologia sia trasmissibile sessualmente, è consigliato recarsi dal medico di famiglia o dal ginecologo di fiducia.

Consulta anche: Vaginite-Wikipedia