APPENDICITE DIAGNOSI

By  |  0 Comments

Appendicite DiagnosiDefinizione di Appendicite Diagnosi

La diagnosi di appendicite viene effettuata con un esame fisico e mettendo insieme tutte le informazioni fornite dal paziente al medico.

I pazienti spesso risultano avere febbre elevata e percepiscono un dolore forte quando il medico spinge nella parte inferiore destra del loro addome. Il dolore è peggiore quando il medico rilascia rapidamente la mano dopo una leggera pressione sul ventre, proprio sopra l’area interessata.
Altri dettagli da tenere in considerazione per una corretta diagnosi di appendicite sono:

• Numero di globuli bianchi. Il numero di globuli bianchi nel sangue cresce di solito enormemente con l’infezione. Anche nelle prime fasi del processo, può essere osservato un lieve aumento della quantità dei globuli bianchi. Tuttavia l’appendicite non è l’unica patologia che causa un aumento dei globuli bianchi, ma questo fenomeno è caratteristico di quasi tutte le infezioni e le infiammazioni. Pertanto un elevato numero di globuli bianchi da solo non può confermare una diagnosi di appendicite.

• Analisi delle urine. L’analisi delle urine è un esame microscopico delle urine che rileva i globuli rossi, i globuli bianchi e i batteri presenti nelle urine. Quando si verifica uno stato infiammatorio l’esame delle urine è di solito anormale anche perché l’appendice si trova molto vicino sia all’uretere che alla vescica. Tuttavia la maggior parte delle persone con appendicite risulta avere un esame delle urine normale, quindi anche questo test da solo non è efficace.

• Radiografia addominale. La radiografia addominale può rilevare l’ostruzione che blocca l’apertura appendicolare.

• Ultrasuoni. Gli ultrasuoni sono in grado di identificare l’ingrossamento o l’ascesso dell’appendice.

• Clisma opaco. Un clisma opaco è una radiografia di prova in cui viene inserito del liquido di bario nel colon fino a riempirlo. Questo test mostra la parte dell’appendice dove l’infiammazione si è diffusa.

• Tomografia computerizzata. La TAC, nei pazienti che non sono in stato di gravidanza, è utile nella diagnosi di appendicite e per escludere altre malattie addominali o pelviche che possono colpire l’appendice.

• Laparoscopia. La laparoscopia è una procedura chirurgica in cui un piccolo tubo a fibre ottiche e dotato di telecamera viene inserito nell’addome attraverso una piccola fessura fatta dal medico sulla parete addominale. La laparoscopia consente una visione diretta dell’appendice e degli altri organi addominali e pelvici. Se viene trovato il punto dell’infiammazione, l’appendice può essere rimossa. Questo test, a differenza della TAC o della radiografia, richiede l’iniezione di un anestetico totale.
Può essere difficile diagnosticare l’appendicite. La posizione dell’appendice può variare. La maggior parte del tempo l’appendice si trova nella parte inferiore destra dell’addome, ma come altre parti dell’intestino, l’appendice possiede un mesentere. Il mesentere è una membrana a forma di foglio che attacca l’appendice alle altre strutture all’interno dell’addome. Se il mesentere è di grandi dimensioni permette all’appendice di spostarsi. Inoltre l’appendice può essere di lunghezza superiore al normale. La combinazione grande mesentere e lunga appendice permette all’appendice di scendere verso la zona pelvica. In questo caso l’infiammazione potrebbe essere considerata più appartenente ad altri organi che all’appendice stessa.
La diagnosi di appendicite può anche essere difficile perché può essere facilmente scambiata con un altro tipo di patologia che prevede sempre l’infiammazione. Pertanto è necessario osservare i pazienti per un certo arco di ore e monitorare cambiamenti e sintomi. Tra le condizioni che possono essere scambiate per appendicite troviamo:

• Diverticolite di Meckel. Un diverticolo di Meckel è una piccola estroflessione dell’intestino tenue che solitamente è posizionato nella parte inferiore destra dell’addome vicino all’appendice. Il diverticolo può infiammarsi o addirittura perforarsi e deve essere rimosso chirurgicamente.

• Malattia infiammatoria pelvica. Il tubo di Falloppio e le ovaie si trovano infatti molto vicine all’appendice. Di solito la terapia antibiotica è un efficace trattamento e la rimozione chirurgica del tubo e delle ovaie non sono necessari.

• Malattie infiammatorie che coinvolgono la parte superiore destra dell’addome. I fluidi dell’addome possono scaricarsi dalla parte superiore destra dell’addome verso il basso, stimolando l’infiammazione e imitando l’appendicite. Questi fluidi possono essere causati da ulcera perforata, malattia della cistifellea, malattie infiammatorie del fegato o ascesso epatico.

• Diverticolite lato destro. Sebbene la maggior parte dei diverticoli siano posizionati sul lato sinistro del colon, possono verificarsi occasionalmente anche sul lato destro. Quando un diverticolo si perfora, provoca l’infiammazione che può sembrare appendicite.

• Malattie renali. Il rene destro si trova abbastanza vicino all’appendice e i problemi renali, come un ascesso ad esempio, possono imitare l’appendicite.

Consulta anche: Appendicite-Wikipedia