APPENDICITE CAUSE E COMPLICAZIONI

By  |  0 Comments

APPENDICITE: LA PATOLOGIA E LE CAUSE

Appendicite significa letteralmente infiammazione dell’appendice.

Si pensa che l’origine dell’appendicite sia dovuta al blocco dell’apertura dell’appendice sul cieco. La chiusura può essere causata da un accumulo di muco denso all’interno dell’appendice oppure dalle feci che giungono all’appendice a partire dal cieco. Il muco o le feci si induriscono e bloccano l’apertura. In alcuni casi, può succedere che sia lo stesso tessuto linfatico dell’appendice a gonfiarsi e bloccare quindi l’apertura dell’appendice. Avvenuta la chiusura, i batteri che normalmente si trovano all’interno dell’appendice, cominciano a invadere e infettare la parete dell’appendice. Si verifica così la risposta del corpo all’infezione, l’infiammazione, nel tentativo di bloccare i batteri e distruggerli. Altri studiosi reputano invece la causa dell’appendicite la rottura iniziale dell’appendice, seguita dalla diffusione dei batteri al di fuori dell’appendice stessa. La causa di tale rottura non è identificata con certezza, ma potrebbe essere collegata ai cambiamenti che si verificano nel tessuto linfatico come per esempio l’infiammazione della parete dell’appendice.
Se l’infiammazione e l’infezione si propagano attraverso la parete dell’appendice, può verificarsi una rottura dell’appendice. In questo caso l’infezione potrebbe diffondersi in tutta la parte addominale, anche se solitamente si limita a una piccola area che circonda l’appendice.
Se l’infezione e l’infiammazione non si sono propagate lungo tutto l’addome, il corpo riesce a contenere e a guarire autonomamente l’appendicite senza necessità di un trattamento chirurgico. Anche il dolore, l’infiammazione e tutti i sintomi correlati possono scomparire. Questo caso avviene in particolare nei pazienti anziani e quando vengono somministrati degli antibiotici. Dopo lungo tempo dall’episodio di appendicite sventato, il paziente potrebbe notare un nodulo o una piccola massa nella parte bassa dell’addome, sulla parte destra. Questo grumo è dovuto probabilmente alla formazione di cicatrici durante la guarigione, ma deve essere controllato dal medico dal momento che potrebbe far sospettare la presenza di un cancro in quell’area.

APPENDICITE E COMPLICAZIONI

La complicazione più frequente legata all’appendicite è la perforazione dell’appendice.
La perforazione dell’appendice può portare a un ascesso peri-appendicolare, cioè un accumulo di pus infetti, oppure a una diffusa peritonite, ossia l’infezione del rivestimento dell’intero addome e del bacino. La causa principale di perforazione dell’appendice è il ritardo nel trattamento dell’appendicite. Il rischio di perforazione 36 ore dopo l’insorgenza dei sintomi è almeno del 15%. Pertanto, una volta che la diagnosi di appendicite è stata effettuata, non conviene ritardare l’intervento chirurgico.
Una complicazione meno comune collegata all’appendicite è il blocco intestinale o l’ostruzione dell’intestino. Il blocco intestinale si verifica quando l’infiammazione che circonda l’appendice colpisce la funzionalità muscolare dell’intestino, impedendo il passaggio del contenuto intestinale. Se la parte dell’intestino sopra all’ostruzione comincia a riempirsi di liquido e gas, l’addome si distende provocando nausea e vomito. In questo caso potrebbe essere necessario svuotare il contenuto dell’intestino con un tubo attraverso il naso, l’esofago , lo stomaco e infine l’intestino.
Una complicazione molto temuta collegata all’appendicite è la sepsi, condizione in cui i batteri entrano nel sangue e viaggiano verso altre parti del corpo. Per fortuna è un fenomeno molto raro, ma anche molto grave.

I sintomi principali di appendicite sono:

• il dolore addominale. Il dolore è all’inizio diffuso e difficilmente localizzabile, ossia non è delimitato ad un’unica area. Quando l’infiammazione aumenta e si diffonde fino a raggiungere la sottile membrana del peritoneo i sintomi del dolore si modificano e l’area di dolore può essere localizzata in modo chiaro. Generalmente quest’area p delimitata tra la parte anteriore destra dell’anca e l’ombelico. Il nome del punto esatto è punto di McBurney. Se però si verifica una rottura dell’appendice e l’infezione si diffonde in più parti dell’addome, il dolore diventa nuovamente diffuso e ancora non localizzabile.

La perdita di appetito.

Nausea e vomito, che possono essere causati anche dal blocco intestinale.

Consulta anche: Appendicite-Wikipedia