LABIRINTITE: DEFINIZIONE

By  |  0 Comments

LabirintiteDefinizione di Labirintite

La labirintite rappresenta un’infiammazione della struttura dell’orecchio interno, chiamata labirinto.

Ciascun orecchio presenta un labirinto, racchiuso in un osso molto spesso vicino alla base del cranio.

Come suggerisce il nome stesso, il labirinto è un insieme interconnesso di canali. Metà parte della struttura del labirinto, definita coclea, ha una forma di guscio di lumaca e invia al cervello le informazioni sul suono. L’altra metà è molto simile a un giroscopio a tre canali semicircolari connessi a un vestibolo. Quest’ultimo invia le informazioni al cervello sulla posizione e il movimento della testa. Ogni disturbo del vestibolo può causare l’invio di informazioni errate al cervello.
Anche gli occhi inviano al cervello delle informazioni sulla posizione. Quando le informazioni dal labirinto e dagli occhi non corrispondono, il cervello ha difficoltà a interpretare ciò che sta accadendo. Questa difficile o erronea interpretazione delle informazioni provoca sensazione di vertigine o di movimento, seppure la nostra posizione sia salda e immobile. Spesso seguono nausea e vomito. A volte si verifica anche la perdita dell’udito o la percezione di rumori non consoni, come un ronzio ad alta o bassa frequenza.
Molte volte, non è possibile determinare la causa della labirintite. Spesso, la condizione segue una malattia virale come un raffreddore o l’influenza. La labirintite può anche essere una fase più acuta dell’infiammazione causata da virus.
Altre cause possibili possono essere:

• Traumi o lesioni alla testa o all’orecchio;

Infezioni batteriche;

Allergie;

• Abuso di alcool;

• Tumore benigno all’orecchio medio;

• Assunzione eccessiva di alcuni farmaci o dosaggio eccessivo;

Tumori alla base del cervello;

• Insufficiente apporto di sangue al tronco cerebrale o ai nervi che circondano il labirinto.

I sintomi della labirintite possono durare giorni o settimane, a seconda della causa scatenante o della gravità della patologia. I sintomi sono spesso provocati o aggravati da movimenti della testa, sguardo verso l’alto o posizione seduta.
I sintomi possono anche ripresentarsi, quindi è necessario stare molto attenti alla guida, se si lavora ad altezze elevate o se si usano macchinari molto pesanti. È consigliato non intraprendere queste attività almeno per una settimana dopo la scomparsa dei sintomi. Raramente questa condizione può durare tutta la vita e solo in rarissimi casi può essere debilitante in modo grave.
Tra i sintomi si possono verificare:

• Vertigine;

Nausea;

Vomito;

• Perdita dell’equilibrio;

• Leggero mal di testa;

• Rumore tintinnante o ronzio nell’orecchio;

• Perdita dell’udito.

In presenza dei sintomi sopra descritti e in caso si dovessero aggravare è bene recarsi dal medico curante.
È necessario chiedere una cura immediata nei seguenti casi:

• Non si riesce a mangiare, bere o assumere farmaci a causa del vomito;

• La perdita dell’udito peggiora gravemente;

Il mal di testa si fa sempre più forte;

Febbre alta;

Dolore all’interno dell’orecchio;

• Si è sperimentato un trauma alla testa o all’orecchio recentemente;

• Raddoppiamento della vista;

• Si sviluppano problemi di linguaggio;

• Si prova intorpidimento o debolezza a un braccio o a una gamba;

• I muscoli del viso diventano deboli e si iniziano a paralizzare;

• L’andatura nel camminare diviene anormale.

Il medico a cui vi siete rivolti cercherà di fare una diagnosi accurata attraverso domande, esami delle orecchie e test che coinvolgono il sistema nervoso. Può prescrivere una terapia di prova attraverso la somministrazione di farmaci, ma se sospetta casi più gravi può ordinare una TAC o una risonanza magnetica della testa. Talvolta è necessario recarsi da uno specialista come l’otorinolaringoiatra o un neurologo.
Se si soffre di labirintite, si possono seguire dei semplici ma utili consigli. Eccone alcuni:

• Sedere in una posizione comoda;

• Ridurre l’assunzione di sale o di zucchero;

• Evitare il cioccolato, il caffè e l’alcool;

• Evitare di fumare;

• Prediligere ambienti poco stressanti e rumorosi.

Esistono inoltre alcuni esercizi che possono aiutare a recuperare le condizioni normali. Qui di seguito proponiamo un esercizio, ma il vostro medico potrà di sicuro suggerirvene differenti:
1. Sedersi sul margine del letto, nella parte centrale e tenere le gambe a penzoloni;
2. Girare la testa a 45° verso destra;
3. Sdraiarsi rapidamente sul fianco sinistro mantenendo la testa girata e toccare il materasso del letto con la parte destra della testa;
4. Mantenere la posizione per circa 30 secondi;
5. Sedersi di nuovo;
6. Ripetere il procedimento a sinistra;
7. Fare dalle sei alle dieci ripetizioni per tre volte al giorno.

A seconda della gravità e della causa della labirintite, vengono utilizzati trattamenti differenti, dall’uso di farmaci da banco e su prescrizione a esercizi fisici e manovre terapeutiche.

Consulta anche: Labirintite-Wikipedia