INFIAMMAZIONE DELL’ ADDOME

By  |  0 Comments

Il dolore addominale, è un dolore percepito nell’ addome, cioè la zona anatomica delimitata

-sopra dal margine inferiore delle costole e dal diaframma,

-sotto dall’osso pelvico

-e ai lati dai fianchi.

Sebbene il dolore addominale possa derivare dai tessuti della parete addominale che circondano la cavità addominale, il termine dolore addominale viene generalmente usato per descrivere un disagio originato dagli organi all’interno della cavità addominale. Gli organi dell’addome comprendono lo stomaco, l’intestino tenue, il colon, il fegato, la cistifellea, la milza e il pancreas.
Talvolta il dolore percepito a livello dell’addome può invece avere origine da organi vicini, ma non interni, alla cavità addominale. Per esempio, i polmoni, i reni, l’utero e le ovaie possono causare dolori addominali. Dall’altra parte è anche possibile che dolori interni all’addome vengano percepiti fuori dall’addome stesso. Questi dolori vengono detti dolori riferiti, perché il dolore non è originario del luogo in cui è percepito. Piuttosto, la causa del dolore si trova lontano da dove si ritiene sia localizzato. Si riferisce cioè a una diversa area.

CAUSE DELL’INFIAMMAZIONE ALL’ADDOME

Il dolore addominale è causato da un’infiammazione, da uno stiramento, dalla distensione di un organo o dalla perdita della fornitura si sangue a un organo.

Per rendere ancora più complessa la diagnosi, il dolore addominale può verificarsi anche senza infiammazione, gonfiore o mancato afflusso di sangue. Un esempio importante di questo tipo di dolore è la sindrome del colon irritabile. In questa sindrome non si sa con certezza quale sia la causa del dolore addominale, ma si pensa sia dovuto a contrazioni anomale dei muscoli intestinali o da nervi diventati sensibili in modo anomalo all’interno dell’intestino, generando sensazioni dolorose. Questi tipi di dolore vengono spesso definiti dolori funzionali, perché non sono riconoscibili le cause che li hanno generati.