INFIAMMAZIONE DEL BICIPITE.

By  |  0 Comments

INFIAMMAZIONE DEL TENDINE DEL BICIPITE

Il muscolo bicipite ha due tendini fissati sulla scapola e uno, definito capo lungo, passa attraverso l’articolazione della spalla.

I due tendini si uniscono al bicipite sulla parte superiore del braccio e sono ancorati appena sotto il gomito sull’avambraccio.

La funzione del muscolo bicipite è quella di piegare il gomito e far ruotare l’avambraccio.

Il capo lungo del tendine del bicipite ha una guaina tendinea che comunica con l’articolazione della spalla.

Quando si verificano dei sovraccarichi, il capo lungo del bicipite si infiamma. L’infiammazione del tendine del bicipite è anche chiamata spalla del nuotatore.

In alcuni casi si forma del fluido nella guaina del tendine sulla parte anteriore del braccio, causando tenosinovite. L’infiammazione del tendine del bicipite si verifica molto spesso in combinazione con altri danni alla spalla, come ad esempio la sindrome da urto, l’infiammazione della borsa e la lesione del menisco. Con l’avanzare dell’età e a causa di sovraccarichi, il bicipite si usura e si lesiona, incrementando la probabilità di rotture. La rottura del bicipite si verifica più spesso quando il muscolo si contrae mentre è allungato, portando a una contrazione eccentrica. L’infiammazione a lungo termine della guaina tendinea aumenta la possibilità di rottura del tendine. È raro che i tendini sani siano soggetti a rottura.

SINTOMI

Tra i sintomi dell’infiammazione del bicipite si può riconoscere l’ indolenzimento esterno verso la parte anteriore della spalla che talvolta si irradia lungo la parte superiore del braccio. Il dolore si aggrava quando la pressione esterna è applicata al tendine del bicipite e alla parte anteriore della spalla, o quando il muscolo viene attivato oppure ancora quando il muscolo è teso.

DIAGNOSI

In casi poco gravi, quelli che presentano indolenzimento lieve, non è richiesto un esame medico. In casi invece di dolore più pronunciato e in peggioramento, un controllo medico dovrebbe essere effettuato per garantire la correttezza della diagnosi e iniziare una cura. L’esame del medico di famiglia è sufficiente a tracciare la diagnosi, ma in caso di incertezza, è necessario fare ulteriori analisi e specialmente ultrasuoni, dal momento che sono i più adatti per esaminare eventuali lesioni della spalla.

TRATTAMENTO

Il trattamento consiste in una riabilitazione lenta del muscolo bicipite e degli altri muscoli intorno alla spalla. Solo in caso di una rottura completa del muscolo bicipite, deve essere presa in considerazione la chirurgia. Se non si nota nessun progresso della tendinite, potrebbe essere considerato un trattamento medico con medicina reumatica o con drenaggio del fluido e iniezione di corticosteroidi nella guaina del tendine. Poiché l’iniezione di corticosteroidi fa parte di un tipo di riabilitazione a lungo termine, è spesso necessario che il periodo riabilitativo si estenda per diverse settimane, riducendo il rischio di recidività e rotture.

Naturalmente il tendine non è in grado di sostenere la massima quantità di carico dopo un breve periodo di riabilitazione.

Dovrebbero essere sempre sottoposti a trattamento le seguenti problematiche:

Rottura e infiammazione dei muscoli della scapola

Infiammazione della borsa

• Sindrome da urto

Rottura del deltoide

Lussazione parziale dell’articolazione della spalla

Lussazione dell’articolazione tra la scapola e la clavicola

Spalla congelata

• Infiltrazioni muscolari

Spalla slogata

Lesione del menisco della spalla

• Intrappolamento del nervo sul retro della scapola