PIEDE: TRATTAMENTO MEDICO

By  |  0 Comments

Definizione di Trattamento Medico del Piede.

È necessario cercare assistenza medica quando il dolore comincia a interferire con le attività di vita quotidiana o se non è più possibile eseguire le attività desiderate senza dolore.

È bene recarsi da un medico quando la zona interessata appare deformata, si verifica una perdita di funzione, si sente forte dolore e gonfiore, il colore della pelle o delle unghie dei piedi cambia, la zona interessata risulta più calda delle altre e morbida al tatto o provoca un cambiamento nel movimento solito del corpo.

I trattamenti devono essere diretti sempre alla causa specifica del dolore. Eccone alcuni di seguito : 
• Riposo, ghiaccio, compressione ed elevazione congiuntamente a farmaci da banco. È il primo trattamento da portare avanti quando si inizia a percepire disagio e dolore nella zona colpita.

- Il riposo consentirà ai tessuti di guarire impedendo qualsiasi ulteriore pressione sull’area interessata. In caso di difficoltà nel mettere peso sul piede, sarebbe appropriato utilizzare delle stampelle. L’uso appropriato di sostegni per le caviglie e i piedi, facilmente reperibili in commercio, possono fornire riposo, comfort e supporto per la zona interessata.

- Il ghiaccio deve essere applicato al massimo per 20 minuti e deve essere posizionato all’interno di un sacchetto di plastica oppure avvolto in un asciugamano. Gli impacchi di ghiaccio reperibili in commercio non sono raccomandati perché di solito sono troppo freddi. In caso di estremo disagio, è necessario terminare la terapia sull’immediato.

- La compressione e l’elevazione aiutano a prevenire il gonfiore dei tessuti colpiti.

- Per quanto riguarda i farmaci, ci sono due tipi di medicinali da banco che possono ridurre il dolore e il gonfiore del piede. L’ acetaminofene contribuirà a ridurre il dolore, mentre un farmaco antinfiammatorio, come l’aspirina, l’ibuprofene o il naproxene, permetteranno di ridurre sia il dolore che la risposta infiammatoria. Ovviamente questi farmaci vanno utilizzati con cautela e il dosaggio non devo superare i limiti descritti nel foglietto illustrativo all’interno della confezione.

• Un rimedio domestico popolare per alleviare la sofferenza da fascite plantare è quello di far rotolare sul terreno una pallina da golf con la parte inferiore del piede.

• Le vesciche devono essere curate immediatamente per ridurre il volume della bolla e lo sfregamento. Solitamente è il medico a perforare un lato con un ago pulito in modo da svuotare la cavità, ma è essenziale non tagliare la pelle perché essa agisce come una benda naturale. Se la pelle al di sopra della vescica è rotta o molle dovrà essere rimossa e tale area dovrà essere trattata come una ferita aperta. Le vesciche dovrebbero inoltre essere protette, anche con un semplice cerotto. Per prevenire la formazione di bolle, può essere utile applicare una buona quantità di vasellina sulla zona interessata.

Trattamento medico. Una volta che la gravità e le cause del dolore sono state identificate, si può procedere con azioni correttive e riabilitative. Eccone alcune di seguito:

- Utilizzo di apparecchiature da parte di personale medico, quali ultrasuoni, stimolazione elettrica, laser o terapie manuali per ridurre il dolore e aumentare la circolazione nella zona interessata.

- Massaggiare il piede. Il massaggio migliora la circolazione, stimola i muscoli, riduce la tensione e spesso allevia il dolore. Permette inoltre un’attenta osservazione del piede. Per fare un massaggio è necessario sedersi in una poltrona comoda e poggiare il piede sinistro sulla coscia destra.

Applicare poi la lozione o l’olio sulla mano e massaggiare tutto il piede, quindi dita, arco e tallone.

Fare poi un massaggio più profondo premendo le nocche della mano destra sul piede sinistro e lavorare la pelle e i muscoli con entrambe le mani premendo i pollici sulla pelle.

Con le mani, tirate le dita dei piedi in avanti e indietro in modo da allungare delicatamente i muscoli sottostanti. Ripetere sull’altro piede.

Per migliorare il massaggio è possibile acquistare dei dispositivi in farmacia.

- Fare attività sportive moderate, sostituendo quelle che aggravano il dolore. È quindi da evitare la corsa e optare per la bicicletta, lo step, il nuoto e simili.

- Misure correttive preventive

- Comprare scarpe nuove o sostituire le suole di quelle in uso.

- Indossare correttamente le scarpe, prestando particolare attenzione all’allacciatura e alla posizione del calzino eliminando problemi di compressione e d’attrito.

- Utilizzare supporti supplementari alla scarpa, come ammortizzatori, supporti per l’arco del piede e scarpe rialzate per mantenere il piede in posizione corretta.

- Sostituire le scarpe da ginnastica almeno ogni sei mesi perché con l’utilizzo perdono le proprietà elastiche delle suole. L’utilizzo di solette di ricambio può aumentare l’assorbimento di energia e dare maggior supporto al piede.

- Utilizzare plantari correttivi e da banco per migliorare la biomeccanica del piede.

- Rafforzare i muscoli e la flessibilità attraverso esercizi specifici. La flessibilità rende infatti il muscolo più forte e meno sottoposto a eventuali lesioni.

- Utilizzare farmaci appropriati contro l’infiammazione.

- Fare una valutazione biomeccanica del piede. Il corpo infatti modifica il proprio movimento quando si verifica un infortunio. Un terapeuta valuterà questi cambiamenti e aiuterà a fare le giuste correzioni. Cambiamenti biomeccanici prolungati e incorretti possono causare dolore e difficoltà di correzione, oltre che un recupero lento e incompleto. Nei corridori, possono risultare utili tecniche come la corsa a piedi nudi o con scarpe specifiche per la corsa.

È necessario farsi controllare dal proprio medico fino a che i sintomi non si sono minimizzati. Dopo la scomparsa del dolore verranno effettuati test o radiologie di controllo. Una volta ripristinate anche la forza muscolare e la flessibilità, deve essere avviato un programma di recupero per tornare all’attività sportiva.

Consulta anche: Piede-Wikipedia